Sono già stati erogati 1,6 miliardi a fondo perduto. Sono 480mila le domande già soddisfatte di aziende e negozi che hanno ricevuto questo contributo. Adesso le domande sono un milione, quindi nei prossimi due giorni l’altro mezzo milione lo riceverà”. Lo annuncia a “In Onda” (La7) il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, che elenca gli ultimi dati aggiornati. E puntualizza: “L’Agenzia delle Entrate, che per una volta fa l’Agenzia delle Uscite, sta erogando questi contributi con grande efficienza. Tutti hanno fatto i complimenti perché al massimo in 10 giorni arriva il bonifico sul conto corrente. C’è capienza e copertura, ci sono due mesi di tempo per fare domanda sul sito. Naturalmente è un contributo proporzionale alla perdita di fatturato, da solo non è sufficiente. Occorre che l’economia riparta, che gli uffici si ripopolino e che le attività commerciali possano riprendere il loro lavoro”.

Gualtieri si rende poi protagonista di un botta e risposta col direttore de La Stampa, Massimo Giannini, circa il ritardo nel pagamento delle casse integrazioni in deroga: “Lo abbiamo detto: ci sono stati quei ritardi. Il governo lo ha riconosciuto e abbiamo riformato la procedura, riconoscendo gli errori. Per effetto di una procedura barocca nella prima fase ci sono stati dei problemi e abbiamo chiesto scusa collettivamente come governo. Secondo l’ultimo dato Inps, per le domande avanzate fino al 31 maggio solo 20mila a metà giugno non erano stati pagate – continua – ma tutte le domande che arrivano a giugno si stanno pagando. Ci sono, però, tantissime altre misure che invece hanno funzionato molto bene e che sono contenute nel decreto Rilancio: i 600 euro delle partite Iva sono arrivati abbastanza rapidamente e il ristoro a fondo perduto, che è nel decreto Rilancio, proprio perché ha una norma scritta in modo articolato, si è potuto attuare in maniera molto rapida”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Bersani su La7: “Crisi di governo dopo elezioni regionali? Non andiamo a cercarci il freddo nel letto”. Botta e risposta con Bechis su Salvini

next