Manifestazione dei lavoratori dello stabilimento Whirlpool di Napoli all’esterno della fabbrica in via Argine. Gli operai si sono incatenati tra loro, gesto simbolico per rappresentare “l’immobilismo del Governo che non permette di sbloccare questa situazione di prigionia dovuta alla scelta dell’azienda”. Le catene, spiega Vincenzo Accurso della Uilm, “bloccano il futuro degli italiani, fermano il Sud. Il lavoro spezza le catene e ci aiuta a uscire dalla crisi post Covid”. “Alle spalle non abbiamo nulla per cui indietro non si torna. Possiamo solo spingere ancora per andare avanti e non ci fermeremo” ci dice Giovanni Fusco, delegato Fiom

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Inail: “In 15 giorni 2mila nuove denunce di contagi sul lavoro. Un terzo dei casi mortali riguardano operatori sanitari”

next
Articolo Successivo

Smart working, Sala rilancia: “Le aziende pensano a piani di licenziamento. E con la gente a casa tutte le attività si fermano”

next