Siamo come fantasmi”. Giulia è una degli oltre 1500 specializzandi in Medicina che hanno lavorato negli ospedali lombardi. Hanno lavorato fianco a fianco con i medici e gli infermieri strutturati, ma sono stati esclusi dal riconoscimento economico previsto per tutti gli altri lavoratori della salute. Per questo motivo oggi è scesa in piazza di fronte al palazzo della Regione Lombardia insieme a centinaia di suoi colleghi. “Non siamo qui solo per il bonus – spiega un altro specializzando – escluderci è una scelta politica, non considerano il nostro lavoro al pari di quello degli altri, ma abbiamo lavorato in prima linea e ci siamo ammalati”. Durante la pandemia non si sono risparmiati e adesso chiedono più diritti: “Noi non siamo medici di serie B – spiega Giancarlo – per il nostro contratto siamo contemporaneamente professionisti e studenti, ma non può essere una scusa per sfruttarci. Ci chiedevano di pagare le tasse universitarie, mentre lavoravamo per dodici ore sostenuti solo da una borsa senza alcun straordinario riconosciuto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cassa integrazione, Loy: “Ritardi dell’Inps tempesta prevedibile. Fino a un milione di lavoratori esclusi. Si migliori accesso ai dati”

next
Articolo Successivo

‘Lavorare meno, lavorare tutti’: un vecchio ritornello perfetto per i nostri tempi

next