Siamo come fantasmi”. Giulia è una degli oltre 1500 specializzandi in Medicina che hanno lavorato negli ospedali lombardi. Hanno lavorato fianco a fianco con i medici e gli infermieri strutturati, ma sono stati esclusi dal riconoscimento economico previsto per tutti gli altri lavoratori della salute. Per questo motivo oggi è scesa in piazza di fronte al palazzo della Regione Lombardia insieme a centinaia di suoi colleghi. “Non siamo qui solo per il bonus – spiega un altro specializzando – escluderci è una scelta politica, non considerano il nostro lavoro al pari di quello degli altri, ma abbiamo lavorato in prima linea e ci siamo ammalati”. Durante la pandemia non si sono risparmiati e adesso chiedono più diritti: “Noi non siamo medici di serie B – spiega Giancarlo – per il nostro contratto siamo contemporaneamente professionisti e studenti, ma non può essere una scusa per sfruttarci. Ci chiedevano di pagare le tasse universitarie, mentre lavoravamo per dodici ore sostenuti solo da una borsa senza alcun straordinario riconosciuto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Cassa integrazione, Loy: “Ritardi dell’Inps tempesta prevedibile. Fino a un milione di lavoratori esclusi. Si migliori accesso ai dati”

next
Articolo Successivo

‘Lavorare meno, lavorare tutti’: un vecchio ritornello perfetto per i nostri tempi

next