Le scuole sono state chiuse molto tempo e adesso come mai prima d’ora diventa importante per i genitori trovare attività da proporre ai bambini, che abbiano anche un valore educativo. Coltivare un orto è certamente una proposta interessante, che offre numerosi spunti di riflessione e può coinvolgere anche i più piccoli.

La didattica a distanza ha costretto molti bimbi a passare ore di fronte a un monitor, a maggior ragione è utile inventarsi qualcosa da fare all’aria aperta. “In questo periodo sono particolarmente preziose le attività che permettono di imparare tramite l’esperienza e coltivando un orto si possono trovare tantissimi spunti didattici – ci spiega Marta Marsano, psicologa specialista dell’età evolutiva e fondatrice del sito InfoDsa.it – I bambini non solo si confrontano con diversi fenomeni naturali, relativi al mondo vegetale, ma sperimentano anche misurazioni di liquidi e misurano distanze tra le piante, toccano con mano lo scorrere del tempo e il passare delle stagioni”.

I valori dell’orto

L’orto permette di avvicinarsi ad alcuni valori importanti, a cominciare dall’ecologia. Si entra in stretto rapporto con la natura, mettendo le mani nella terra, si raccolgono i frutti del proprio lavoro e si impara a esserne grati. Si sperimenta concretamente anche l’importanza di applicarsi con costanza nella cura di qualcosa.

Con un po’ di sensibilità i genitori che accompagnano il bimbo nell’esperienza potranno portarlo a molte riflessioni, ad esempio sul tema della provenienza del cibo o sull’importanza dell’acqua come risorsa da non sprecare, oltre a introdurre nozioni di scienze.

Cosa serve per coltivare coi bambini

Per fare un orto è sufficiente dedicare qualche metro quadro di giardino, anche chi non ha terra può realizzare un piccolo orto sul balcone, aiutandosi con vasi e fioriere. Come spiega Emilio Bertoncini, agronomo specializzato in orti didattici, possiamo creare dei piccoli moduli di orto riutilizzando semplici cassette della frutta. L’orto in cassetta proposto da Emilio, che vediamo anche in foto, è un’idea perfetta per chi vuole cominciare in piccola scala.

Gli attrezzi occorrenti sono basilari: una vanga, una zappa e un rastrello in ferro per l’orto in campo, una palettina e un piccolo rastrello per la coltivazione da balcone. Per cominciare basta avere dei semi o delle piantine, li possiamo comprare in un vivaio, ma le sementi possiamo persino trovarle in dispensa, ad esempio cercando legumi secchi. Non resta che sperimentare la soddisfazione di un orto, per la gioia dei bambini, ma anche dei genitori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sardegna, l’albergo sul mare di Renato Soru bloccato dalla legge Salvacoste (voluta da Soru)

next
Articolo Successivo

Cina-India, spero che gli scontri al confine non distraggano il mondo dalla conquista targata 5G

next