“È passato il messaggio che il Veneto è stato più bravo della Lombardia nel contenimento del coronavirus; ci sono però degli indicatori che dicono il contrario, ovvero che nella prima fase della pandemia in Lombardia si è fatto meglio che altrove”. Così Giuseppe Remuzzi, direttore della Fondazione Mario Negri di Milano sul lavoro fatto da Andrea Crisanti in Veneto. “Hanno fatto un lavoro ottimo, ma non sempre tutto è replicabile e vale allo stesso modo in altre zone. Ognuno pensa di essere stato il migliore”, aggiunge Remuzzi, “la verità è che la situazione è molto complessa e ci vorrà molto tempo prima che tutte le tessere del puzzle vadano al loro posto; solo allora potremo fare una valutazione precisa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’Aifa blocca gli studi su alcuni trattamenti: da medico e malato avrei agito diversamente

next
Articolo Successivo

Solstizio d’estate, arriva la giornata più lunga dell’anno. Con un’eclissi anulare di Sole: ecco da dove si potrà osservare

next