La ripartenza nel settore dell’arredamento dopo la crisi dovuta al coronavirus, almeno per il momento, sembra essere “sprint”. A parlarne a Sono le Venti, il programma di Peter Gomez in onda sul Nove alle 19,53, Giovanni Battista Vacchi, amministratore delegato del gruppo Colombini. Secondo l’ad, “il settore è ripartito molto bene finito il lockdown“. “In Italia abbiamo avuto un flusso di ordine circa il 55% superiore rispetto all’anno precedente. Ora la domanda è ‘questo è un flusso di ordine di due mesi che non si sono materializzati’ o c’è una componente di persone che stando in casa hanno apprezzato sempre di più il poter vivere dentro casa. Noi pensiamo sia questa seconda ipotesi”. Il settore prima della crisi era il quarto per avanzo commerciale, spiega Gomez. “Cosa chiediamo al governo? – risponde ancora Vacchi – La cosa principale è aiutare i consumatori a far girare l’economia. Come? Intervenendo sulla leva fiscale. Non c’è stato nessun contributo al cambiamento e alla spesa nel settore dell’arredamento. Così come non c’è stato nel settore dell’automotive o degli elettrodomestici. Ha pesato, in questi mesi, sicuramente l’assenza del salone del mobile di Milano che però, sottolinea Vacchi “abbiamo preferito rinviare di un anno piuttosto che farlo male a settembre”. Incide anche la riconversione di una parte del settore, che in questo periodo ha iniziato a produrre anche “divisori in plexiglass”, anche se “speriamo non sia una cosa continuativa”.

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Redditi 2018, dopo l’introduzione dei nuovi indici di affidabilità fiscale aumentano i ricavi dichiarati da imprese e liberi professionisti

next
Articolo Successivo

Btp Futura, emissione dal 6 luglio: durata 10 anni, cedole crescenti e premio fedeltà legato al pil. C’è anche lo spot: “L’Italia cresce con te”

next