Più paletti per contrastare la concorrenza sleale delle aziende straniere che operano nell’Unione europea grazie alle sovvenzioni dei loro governi, sfuggendo alle rigide regole europee sugli aiuti di Stato. La commissaria europea Margrethe Vestager ha presentato l’atteso libro bianco che punta in particolare ad affrontare il problema delle acquisizioni e della vittoria di appalti europei da parte di gruppi cinesi sovvenzionati dal governo di Pechino. L’intervento è stato sollecitato da Francia, Germania, Italia e Polonia.

La Commissione spiega che “c’è un numero crescente di casi in cui i sussidi stranieri sembrano aver facilitato l’acquisizione di società europee o distorto decisioni di investimento, operazioni di mercato, politiche dei prezzi, oppure distorto gare d’appalto a detrimento delle aziende non sussidiate“.

Bruxelles descrive le possibili azioni in un libro bianco che sarà sottoposto ai governi Ue per avviare la discussione. Tre le opzioni. La prima serve ad individuare gli effetti distorsivi dei sussidi stranieri, istituendo uno strumento generale di controllo del mercato. Potrebbe essere un’autorità nazionale o la Commissione, che agisce su segnalazione. Qualora venisse stabilita l’esistenza di un sussidio estero, l’autorità imporrebbe rimedi.

La seconda opzione ha lo scopo di affrontare in modo specifico distorsioni causate da sovvenzioni estere che facilitano l’acquisizione di società dell’Ue. Le società che beneficiano del sostegno finanziario di un governo non Ue dovrebbero quindi notificare l’operazione all’autorità di vigilanza. La Commissione si propone di ricoprire questo ruolo, che punta ad individuare quei casi in cui il sostegno distorce la transazione, e a porvi rimedio. La terza opzione punta a proteggere gli appalti pubblici: gli offerenti che beneficiano di aiuti extra Ue devono notificarlo all’autorità di supervisione, che può anche escluderli dalla gara.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mes, la Spagna per ora dice no. Ministra degli Esteri: “Al momento non ne abbiamo bisogno. Recovery Fund? Sia pronto a settembre”

next
Articolo Successivo

Tav, europarlamentari M5s: “Relazione Corte dei Conti Ue non va ignorata, rischio cattedrale nel deserto. Quei fondi siano destinati al Covid”

next