“Non voglio fermarmi agli errori passati, adesso è tempo del piano nazionale delle riforme, che deve diventare lo strumento per dialogare in Europa, settembre è troppo tardi. Adesso facciamo insieme il piano nazionale delle riforme in Parlamento e non a Villa Pamphilj. E anticipi la legge di Bilancio”. Così Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia, rivolgendosi al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, dopo l’informativa urgente in vista del Consiglio europeo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Senato approva il decreto che rinvia riforma delle intercettazioni, cambia iter scarcerazioni dal 41bis e regola l’app Immuni

next
Articolo Successivo

Festival dell’Economia di Trento, l’intervento del ministro Gualtieri insieme agli economisti Boeri e Tabellini: la diretta

next