“Sono usciti 250 mafiosi, è un fatto senza precedenti, mai accaduto“. Così il presidente della I Commissione del Consiglio superiore della magistratura, Sebastiano Ardita, ascoltato in audizione in Commissione parlamentare Antimafia sulla questione delle scarcerazioni, tra cui diversi boss, e le misure alternative a detenuti, avvenute durante l’emergenza coronavirus. Ardita sottolinea che “se scoppia una guerra dobbiamo essere in grado di combatterla”, aggiungendo, rispondendo ad alcuni parlamentari che “io non do lezioni a nessuno ma difendo il mio lavoro“. “Io parlo perché, purtroppo, è stato distrutto il mio lavoro e quello di altre persone con atti che possono avere conseguenze irreversibili”, continua Ardita. E conclude: “Comprendo le condizioni dei magistrati che si sono ritrovati a subire quella situazione”, continua facendo riferimento alle rivolte dovute, secondo Ardita, ad anni di disattenzione, “ma so che quando lo Stato è in guerra deve avere il miglior comandante alla sua guida”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo Carminati, disposto l’obbligo di dimora a Sacrofano e il divieto d’espatrio: “Sussiste il concreto pericolo di fuga”

next
Articolo Successivo

Rogo Thyssenkrupp, concessa la semilibertà ai due manager tedeschi condannati per la morte dei 7 operai. I familiari: “Non è possibile”

next