Di fronte al “progetto di cambiamento del Paese che il governo ha illustrato abbiamo indicato che senza un coinvolgimento e un investimento sul lavoro il Paese non cambia. Proprio perché noi vogliamo essere parte attiva di questo cambiamento, abbiamo ricordato che c’è bisogno di una radicale cesura rispetto al passato“. Così il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, al termine dell’incontro tra i sindacati ed il presidente del Consiglio in occasione degli Stati generali dell’economia, in un video sulla piattaforma “Collettiva”. Tra i diversi punti, Landini ha rimarcato che “c’è bisogno di fare una vera riforma fiscale e di una vera lotta all’evasione, di un ruolo pubblico nell’economia che veda lo Stato come soggetto che fa politiche industriali e investimenti, a partire dal Mezzogiorno per creare nuova occupazione femminile e per i giovani. C’è bisogno – ha proseguito – di lotta alla precarietà, di un nuovo Statuto dei diritti dei lavoratori e di cancellare le leggi sbagliate fatte in questi anni; di andare al rinnovo dei contratti con la detassazione degli aumenti salariali e anche di una legge sulla rappresentanza che cancelli i contratti pirata e dia valore erga omnes ai contratti nazionali di lavoro”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus 600 euro, il caso dei requisiti aggiuntivi chiesti dall’Inps agli autonomi iscritti alla gestione separata. Pronta la class action

next
Articolo Successivo

Milano, i lavoratori dello spettacolo contestano il ministro Franceschini: “È una falsa ripartenza, molti di noi non potranno tornare in scena”

next