Il 21 giugno la Spagna uscirà dallo stato di allerta nel quale è precipitata dalla prima metà di marzo. Il governo ha comunicato ufficialmente che non ci saranno altre proroghe: potrà così iniziare quella “nuova normalità” che il premier Sánchez ha più volte preannunciato nelle sue numerose conferenze stampa. La desescalada con cui il Paese si è mosso, di regione in regione, per allentare il lockdown pur mantenendo sempre costante l’attenzione per evitare che i contagi tornassero ad aumentare, ha dato i suoi frutti, ma ha anche creato diversi disagi.

Se nella prima fase di confinamento (tra la seconda metà di marzo e i primi di maggio) le multe per chi ignorava le restrizioni sono arrivate anche a 15mila al giorno, nel momento in cui le diverse regioni hanno iniziato a spostarsi dalla fase 0 alla fase 1 il numero di multe è diminuito, ma si sono anche rivolte principalmente alle attività commerciali che non rispettavano la normativa vigente per proteggere clienti e lavoratori.

Nel mirino della polizia nazionale e locale c’erano bar e ristoranti: durante la fase 1 infatti era possibile tornare in attività solo per chi avesse a disposizione spazi all’aria aperta (giardini o aree di suolo pubblico che in spagnolo si chiamano “terrazas”, ndr.) e che potessero garantire una distanza di due metri tra tavolo e tavolo, oltre che tutte le misure necessarie per proteggere sia gli avventori che camerieri e cuochi.

Come si sono organizzati quindi i ristoratori? “Noi ci siamo adattati con una colonnina con il gel igienizzante per le mani all’entrata del locale e abbiamo scelto il modello elettrico così nessuno deve poggiare le mani sul dispenser – spiega a ilfattoquotidiano.it Carlo Santoriello, proprietario del ristorante Donkilo, nel quartiere Eixample di Barcellona -. Tutto il personale è dotato di mascherine e guanti; tutte le superfici dei tavoli da lavoro, cucina e tavoli dei clienti vengono pulite molto di frequente con uno spray antibatterico; l’olio, l’aceto, il sale e il pepe sono in bustine monodose e le tovaglie usa e getta per ogni cliente. E abbiamo creato un codice QR per leggere il menu direttamente dal nostro sito e diamo una tovaglietta extra con il menu impresso a chi non sa usare il codice QR”.

Le multe sono state tantissime in tutta la Spagna: la polizia municipale di Madrid, per esempio, nei primi giorni di fase 1 (iniziata il 25 maggio), ha multato il 41% dei locali che lavoravano negli spazi all’aria aperta ispezionati per non seguire adeguatamente la normativa.
Non seguirla al millimetro (in senso figurato e letterale, in questo caso) può costare molto caro sia al proprietario del locale che ai clienti: se ci sono persone in piedi negli spazi all’aria aperta le multe vanno dai 3.001 ai 30mila euro. Si possono infatti servire bibite e cibo solo alle persone sedute e se si trasgredisce o si oppone resistenza alle autorità e agli agenti nell’esercizio delle proprie funzioni, le sanzioni vanno dai 601 ai 30mila euro. E per chi mette a rischio o provoca un danno grave per la salute della popolazione, non seguendo le direttive del Ministero della Sanità o le normative del governo, può ricevere una multa tra i 3mila e i 600mila euro, a seconda della gravità della disobbedienza. Adesso che l’intero Paese è in fase 2 (o 3), si può mangiare anche all’interno dei locali, che possono raggiungere solo il 40% della loro capienza totale. In questi giorni i controlli continuano a essere numerosissimi e molto severi: le fasi cambiano, ma le multe rimangono quindi una presenza costante.

Con l’arrivo della bella stagione mantenere le distanze e trovare il modo di continuare con le misure di sicurezza imposte dal governo non sarà facile. Già dal primo momento in cui è stato possibile tornare a frequentare bar e ristoranti le prenotazioni sono state tantissime: il desiderio di normalità è fortissimo, ma senza correre rischi inutili che potrebbero costare molto più cari di una multa.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Israele, Corte Suprema boccia legge su colonie in Cisgiordania: “Incostituzionale”. Ministro Esteri Germania: “Preoccupati da annessioni”

next
Articolo Successivo

Floyd, il calcio americano abolisce il divieto di inginocchiarsi durante l’inno nazionale

next