Seduta in profondo rosso per le Borse europee, che hanno chiuso tutte in profondo rosso con Piazza Affari a –4,81%, Francoforte in calo del 4,47%, Londra che arretra del 3,99% e Parigi a -4,71%. Secondo Bloomberg pesano sui listini i timori di una seconda ondata di coronavirus negli Usa dopo che il Texas ha registrato 2.504 nuovi casi in un solo giorno, il dato più alto dall’inizio della pandemia, e la situazione preoccupante in America Latina. Anche Wall Street ha aperto in territorio ampiamente negativo, affossata anche dalle valutazioni della Fed sul lungo percorso di convalescenza dell’economia statunitense. A contrattazioni chiuse il Dow Jones affonda a 25.128,17 punti e perde il 6,90%, il Nasdaq cede il 5,27% a 9.492,43 punti mentre l’indice S&P 500 lascia sul terreno il 5,90% a 3.001,96 punti.

Sul listino milanese hanno sofferto, come nel resto d’Europa, i titoli dell’automotive a partire da Cnh (-11,8%), Pirelli (-8,5%) e Fca (-7,7%) che sconta anche il probabile avvio di un’indagine dell’antitrust Ue sulla fusione con Psa. L’istruttoria, che potrebbe durare 4 mesi, rischia di mettere a rischio la tempistica della fusione, la cui finalizzazione è attesa nella prima metà del 2021. Pesantissima anche Atlantia (-9,16%) in attesa della trimestrale, male tutti i bancari. In positivo solo Diasorin.

Sul fronte obbligazionario lo spread Btp-Bund ha chiuso a 190 punti con il rendimento del decennale italiano all’1,48%. Il Tesoro ha collocato in asta 9,5 miliardi di euro complessivi in tre Btp con rendimenti in calo: per il triennale 0,46% contro lo 0,87% della precedente operazione, per il titolo a 7 anni da 2,5 miliardi 1,1% da 1,53%. Collocati anche 2 miliardi con scadenza 2036 al rendimento di 1,91% contro il 2,06% precedente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Istat: “In aprile un crollo della produzione industriale senza precedenti. Per l’auto -100%, giù dell’80% il tessile”

next
Articolo Successivo

Popolari di Bari, c’è l’ok della Commissione Ue all’intervento: “Non costituisce aiuto di Stato”

next