Sembrava una delle tante iniziative benefiche di questo periodo. Di facciata, o destinata magari a finire nel dimenticatoio. Invece, a dieci giorni dal suo avvio, la campagna di solidarietà portata avanti dalla filiale italiana di Porsche in collaborazione con la Caritas è già andata oltre le aspettative, raggiungendo 3.680 famiglie e 920 ragazzi appartenenti alle fasce sociali più colpite dall’emergenza sanitaria.

Il progetto “Uniti per Ripartire” prevede infatti che per ogni nuova vettura consegnata dai 30 centri Porsche italiani dal 1° giugno al 10 agosto, per il tramite delle 218 Caritas diocesane presenti sul territorio nazionale, vengano devoluti 1.000 euro in beni di prima necessità a 40 famiglie bisognose, o anche tutto quel che può servire all’educazione digitale di 10 ragazzi che hanno meno disponibilità, come tablet, pc e stampanti. Ed è proprio l’acquirente dell’auto a decidere la destinazione dell’aiuto.

Povertà alimentare e povertà educativa, dunque. Sono proprio queste alcune delle conseguenze più immediate e drammatiche della pandemia che ha colpito il nostro, come tanti altri paesi nel mondo, a cui l’organismo pastorale della Cei ha rivolto lo sguardo, insieme all’azienda tedesca. “La ripartenza ha bisogno del contributo e del coinvolgimento di tutti. È necessario aiutare i più deboli a ritrovare dignità e voglia di ripartire”, ha infatti spiegato l’amministratore delegato di Porsche Italia Pietro Innocenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incentivi auto, maggioranza divisa. Pd-Iv-Leu: “Estenderli agli Euro 6”, M5S: “Anacronistici”

next
Articolo Successivo

Mercato auto Europa, profondo rosso nelle immatricolazioni anche a maggio: -52,3%

next