Si è aperta la fase 3 e stiamo facendo i conti con la nostra nuova routine: come la state affrontando? Com’è cambiata la vostra professione e quali difficoltà state incontrando? Come giudicate l’organizzazione nelle vostre città? Raccontatecelo, il blog Sostenitore è pronto ad ospitare le vostre riflessioni o denunce. Vi basta compilare il form apposito, la redazione leggerà i vostri post (tutti) e pubblicherà i migliori ogni giorno.

di Massimo Virgilio

Globalizzazione. Questa parola è sulla bocca di tutti. Il suo significato ultimo, però, non è ben chiaro. “Più che una parola – sostiene il sociologo Ulrich Beck – si tratta di una nebbia, di una parola-spettro”. C’è la globalizzazione dei capitali finanziari, mai così liberi di spostarsi con incredibile rapidità da un continente all’altro, da una nazione all’altra, incuranti di barriere e di confini.

E “i processi di globalizzazione finanziaria e produttivistica e di mobilità internazionale del lavoro”, afferma Alberto Martinelli, “inaugurano un periodo di rapidi cambiamenti, di fluttuazioni, di incertezza”. C’è la globalizzazione delle scienze, dei sistemi di comunicazione e delle tecnologie. Grazie agli enormi progressi realizzati in questi campi nel corso degli ultimi decenni, l’intero pianeta non è altro che un “villaggio globale”, per usare la notissima formula di Marshall McLuhan.

C’è la globalizzazione del sistema di produzione capitalista, il quale, considerandosi l’unico capace di donare felicità e prosperità all’umanità, tende ad imporsi a livello planetario. Esso, pur di portare a termine la missione di massimizzare il profitto incrementando a dismisura la produzione e quindi i commerci, non esita a sfruttare senza posa tutte le risorse naturali, compresa la risorsa uomo, fino a depauperarle e in certi casi ad esaurirle, incurante del danno che ciò provoca all’intera popolazione mondiale.

“Il futuro dell’umanità – scrive al riguardo Piero Bevilacqua – diventa allora oggetto di discussione scientifica e di divulgazione culturale di massa. L’allarme sociale sulle possibilità di vita nel futuro comincia a insinuarsi come nuova condizione psicologica di una parte crescente dell’umanità”. Il capitalismo postmoderno, per di più, non si limita a fabbricare e vendere per profitto i propri prodotti rispondendo alla domanda dei consumatori.

Sono i bisogni stessi ad essere “fabbricati per rispondere alla domanda dei produttori che rendono commerciabili i loro prodotti direttamente, attraverso la promozione, il ricambio, la confezione e la pubblicità. La nuova economia – secondo il professor Benjamin R. Barber – si occupa di beni immateriali e servizi che hanno come destinatari la mente e lo spirito (o che mirano ad annullare la mente e lo spirito)”.

Da parte sua Beck nel volume intitolato Libertà o capitalismo distingue nettamente la parola globalizzazione dal termine globalismo. “Chiamo globalismo la dittatura neoliberista del mercato mondiale, che, in particolare nel Terzo mondo, toglie le basi – comunque precarie – dell’auto-sviluppo democratico. Io invece intendo per globalizzazione non soltanto la globalizzazione economica, ma anche quella politica, sociale e culturale”.

La globalizzazione, afferma Agostino Giovagnoli nel saggio dal titolo Storia e globalizzazione (Laterza), si rivela dunque “sfuggente, per la difficoltà di identificarne chiaramente un centro motore, un progetto ispiratore, una coerenza interna”. Se l’essenza della globalizzazione non è ben determinabile, i suoi effetti, pur se molteplici e complessi, sono invece più facilmente identificabili, giacché incidono direttamente sulla vita di ciascuno di noi.

“È largamente riconosciuta l’importanza degli aspetti economici e finanziari di queste trasformazioni” afferma Giovagnoli. “C’è accordo anche nel riconoscere una serie di conseguenze della globalizzazione, come la spinta ad organizzare le attività economiche su scala mondiale, la crescente importanza della contiguità temporale rispetto alla prossimità spaziale, cui si accompagna l’indebolimento e la ridefinizione dei confini, i condizionamenti delle imprese multinazionali o transnazionali sui Governi, le difficoltà di intervenire sui flussi migratori legati a nuove dinamiche del mercato del lavoro, i problemi per i regimi autoritari nel controllare la circolazione delle informazioni, le difficoltà di convivenza fra persone di culture diverse”.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Premio Strega 2020, per la prima volta c’è una sestina di finalisti: Sandro Veronesi favorito, ecco tutti i nomi in lizza

next