“Il plexiglass e i fondi erogati non possono bastare, per ripartire in sicurezza servono più investimenti su strutture e personale, stabilizzazioni dei precari storici, oltre alla riduzione del numero di alunni per classe”. A rivendicarlo sono docenti, personale Ata, sindacati e studenti, nel giorno dello sciopero indetto per l’ultimo giorno di scuola con un presidio di fronte alla sede del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca a Roma. “Chiediamo un ritorno a settembre, ma serve farlo in sicurezza. E non sarà possibile senza un piano di investimenti straordinario“, spiegano in coro diversi docenti. A protestare molti insegnanti e precari esclusi dal prossimo concorso o chi si ritiene danneggiato: “I concorsi sono stati banditi in maniera ingiusta rispetto ai precari”.
C’è poi il nodo della Dad, ossia la didattica a distanza più volte contestata dai docenti: “Si torni in presenza. L’abbiamo fatta e portata avanti, ma non ha funzionato”, spiega la gran parte dei docenti. Ma c’è chi guarda oltre, se questa dovrà essere riutilizzata in futuro o per un suo uso come supporto: “È ora di investire su una piattaforma di e-learning pubblica, che possa offrire una soluzione ai problemi di accesso e privacy. Ma per questo servono soldi da parte del governo e una strategia”. Non è l’unico. E anche gli studenti sono favorevoli: “Se si deve andare verso una digitalizzazione maggiore della didattica è necessario che tutti ne possano usufruire. In questi mesi non è stato così”.
Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

POCO F2 Pro 5G in Italia, immagini, specifiche e prezzo del nuovo smartphone di fascia alta

next
Articolo Successivo

Xiaomi Mi Band 5 in Europa da luglio come Mi Smart Band 5

next