Tre-quattrocento persone in piazza del Popolo a Roma, al seguito dell’ex generale dei Carabinieri, Antonio Pappalardo. Manifesti e cori contro il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e contro Giuseppe Conte e il suo portavoce. “Libertà” e ‘Lira, Lira” le parole d’ordine. Norme di distanziamento e mascherine praticamente assenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gilet arancioni, fake news e insulti all’evento senza regole di Roma: “La pandemia è una boiata. Ricoveri per uso eccessivo di mascherine”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, dal 3 giugno misurazione febbre sui treni Alta velocità e Intercity: vietato salire con più di 37,5° gradi

next