Il pallone torna a rotolare. Dopo la pausa forzata dovuta all’emergenza coronavirus, torna il campionato di calcio. La Lega Serie A ufficializzando il nuovo calendario per completare la stagione interrotta dal lockdown. Si ripartirà sabato 20 giugno con l’anticipo Torino-Parma, alle 19.30. Alle 21.45, Verona-Cagliari. Domenica 21 giugno si giocano gli altri due recuperi della sesta giornata di ritorno, AtalantaSassuolo (19.30) e Inter-Sampdoria (21.45).

Lunedì 22 giugno via all’ottava giornata di ritorno con la Juventus impegnata a Bologna alle 21 e 45. Due giorni dopo tocca all’Inter ospitare il Sassuolo alle 19 e 30. Le partite di cartello: Atalanta-Napoli il 2 luglio alle 19 e 30, Lazio-Milan il 4 luglio, Milan-Juventus il 7 luglio con i bianconeri che ospiteranno l’Atalanta l’11 luglio. Il giorno dopo il Napoli ospita il Milan al San Paolo. Il campionato si deciderà probabilmente tra il 19 e il 20 luglio: alle 21 e 45 di domenica c’è Roma-Inter. I nerazzurri sono attualmente terzi in classifica, a nove punti dalla Juventus capolista e con una partita in meno da recuperare. Il giorno dopo la partita dell’Olimpico, e alla stessa ora, la Juventus ospita la Lazio a Torino. È al momento la partita principale del campionato: al momento della sospensione del torneo, i bianconeri di Maurizio Sarri guidano la classifica con un solo punto di vantaggio sui biancocelesti di Simone Inzaghi. All’andata è stata la Lazio a vincere per 3 a 1. Il ritorno si giocherà per la priva volta in piena estate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Icardi-Inter, lasciarsi e non mancarsi: forse i nerazzurri perdono 30 milioni di euro ma la credibilità non ha prezzo

next