Ecobonus, sismabonus, bonus facciate, installazione di impianti fotovoltaici e di colonnine di ricarica dei veicoli elettrici, detrazione sull’affitto del negozio, credito di imposta per la sanificazione e l’adeguamento del luogo di lavoro alle nuove norme anti contagio. Il decreto Rilancio allarga a tutti i bonus previsti per famiglie e aziende sotto forma di detrazioni la possibilità di cederle, a seconda dei casi, a chi esegue i lavori – ottenendo uno sconto immediato – o alle banche. In modo da poterne godere anche se si è incapienti, cioè non si paga abbastanza Irpef da beneficiare interamente dello sgravio.

Lo sconto sul corrispettivo dovuto potrà di fatto azzerare la spesa nel caso dei bonus per i lavori di ristrutturazione antisismica o di efficientamento energetico, visto che il decreto aumenta la percentuale detraibile al 110%. L’impresa che fa i lavori potrà poi recuperare attraverso il credito di imposta “con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari”.

I negozianti potranno poi cedere il credito di imposta del 60% sugli affitti che stando al decreto Rilancio spetta a chi abbia avuto nel 2019 ricavi non superiori a 5 milioni di euro e a marzo, aprile e maggio abbia subito a causa del coronavirus una diminuzione del fatturato di almeno il 50% rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente. Il beneficio vale anche per le strutture alberghiere e agrituristiche (per aprile, maggio e giugno) e gli enti non commerciali, compresi quelli del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti.

Tutte le imprese potranno cedere alle banche – non è chiaro se avendo in cambio un rimborso monetario – anche il credito del 60% per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione personale e quello, della stessa percentuale, per “adeguamenti” come il rifacimento di spogliatoi e mense, la realizzazione di spazi medici, ingressi e spazi comuni, l’acquisto di arredi di sicurezza o l’acquisto di strumenti e tecnologie necessarie allo svolgimento dell’attività lavorativa e per l’acquisto di apparecchiature per il controllo della temperatura.

Inoltre viene previsto che solo per il 2020 sia possibile optare per la trasformazione dell’importo della detrazione in credito d’imposta, e successivamente per la cessione ad
altri soggetti, “in relazione alle rate ancora da fruire di detrazioni spettanti per interventi effettuati in anni precedenti“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’equivoco delle mascherine non chirurgiche, ma solo filtranti. In farmacia: “La differenza? Nei certificati, ma sono in cinese…”

next
Articolo Successivo

EasyJet, ripartono i voli dal 15 giugno in Italia: rotte nazionali tra otto aeroporti e il collegamento internazionale Brindisi-Ginevra

next