Francesco Barbaro, patron dell’agenzia indipendente OTR Live, ce lo aveva detto e promesso già in una intervista: “Fare concerti con mille persone si può, possiamo ripartire. Non lascio a casa i lavoratori”. Così sarà. Uno degli artisti della sua scuderia live, Max Gazzè, sui social ha annunciato che partirà in tour questa estate. Secondo le prime informazioni raccolte da FqMagazine si partirà da metà luglio fino a tutto settembre. Si sta già lavorando a tre-quattro grandi eventi, per inizio luglio alla Cavea – Auditorium Parco della Musica di Roma. Le location scelte per il tour accoglieranno mille persone con posti distanziati secondo le misure di sicurezza correnti, distanziamento fisico di un metro fondamentale. Tutti con le mascherine.

“Ero un musicista pieno di sogni nel cassetto quando nel 1994 ho conosciuto quel folle visionario di Francesco Barbaro e da allora OTR Live è diventata la mia seconda casa e la mia famiglia. – ha scritto Max – In quasi 30 anni insieme abbiamo condiviso mille esperienze e idee. Oggi voglio che la sua battaglia per non fermare la musica diventi anche la mia. Ho deciso di rimandare di un paio di mesi la registrazione del nuovo disco, di rinunciare ai cachet standard dei grandi live per ridare la dignità del lavoro a chi è fermo”.

Da qui l’annuncio: “Scendo in palco per 1.000 posti a sedere insieme a coloro che da anni mi accompagnano e senza i quali non esisterebbero i concerti, dai musicisti allo staff che lavora dietro le quinte. Ripartiamo dopo i minuscoli locali degli inizi, i club, i teatri, l’Arena di Verona, le Terme di Caracalla e i grandi festival, ripartiamo per far sì che questo piccolo spazio diventi una cosa grande per tutti. Non dimentichiamoci di quello che una musica può fare”.

Max Gazzè è il primo di OTR Live ad aver comunicato che non fermerà la musica, c’è da scommettere che altri artisti del roster come Daniele Silvestri, Carmen Consoli, Carl Brave, Diodato, Levante, Irene Grandi non si tireranno indietro. Non resta che aspettare i prossimi giorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Voucher per i concerti annullati, ecco come richiederli e perché è consentito. Ma scoppia la protesta, “Codacons: “Valutiamo azioni”

next
Articolo Successivo

Paul McCartney, polemiche dei fan per i voucher: “Rivogliamo i soldi”. Risponde l’organizzatore D’Alessandro: “Impensabile”

next