Durante il convegno organizzato dalla Fillea Cgil sul tema dei cantieri e degli appalti, Ance e Anac hanno entrambi puntato il dito contro la burocrazia che attua “l’autotutela calando la penna, non firmando né autorizzando più niente”. All’incontro, organizzato in videoconferenza, ha partecipato anche la ministra dei Trasporti Paola De Micheli. “Noi non abbiamo trovato un’opera bloccata dalla burocrazia – ha specificato – Abbiamo trovato invece opere bloccate per motivi politici locali o nazionali, opere bloccate perché da 5 anni le stazioni appaltanti non sono in grado di fare i progetti e opere bloccate da una stratificazioni di sentenze e giudici di diritti e doveri non realizzati, opere formalmente dichiarate come decise e poi finanziate solo in parte, o addirittura non finanziate o sottofinanziate”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cantieri, Merloni (presidente Anticorruzione): “Appalti vanno presidiati con digitalizzazione”. De Micheli: “Idea che sposo in pieno”

next
Articolo Successivo

Sono le Venti (Nove), Boccia: “Ricciardi ha detto cose sotto occhi di tutti, mettere in discussione sistema lombardo non è lesa maestà”

next