Il senatore Mario Giarrusso, recentemente espulso dal M5s per la questione rimborsi e passato nel gruppo Misto, è intervenuto a Palazzo Madama nel corso della discussione sulla mozione di sfiducia al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, anticipando il suo voto a favore. Dopo i cinque minuti concessi per esporre il proprio punto di vista, il microfono di Giarrusso si è spento (“in modo automatico”, come ha precisato la presidente Alberti Casellati). Il senatore si è arrabbiato : “Mi avete levato la parola, ho qua il cronometro”, ha detto. Poi, indirizzato a un collega, “ma vaffanculo“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La presidente Casellati riprende i senatori: “Non siamo un buon esempio. Ora basta, continuo a vedere assembramenti”

next
Articolo Successivo

Bonafede, Casini: “Opposizioni votano mozioni con contenuti opposti”. Mirabelli (Pd): “Tentativo strumentale di far cadere governo”

next