“Non accettiamo accordi bilaterali all’interno dell’Ue che possano creare dei percorsi turistici privilegiati“, così il premier Giuseppe Conte nel corso della conferenza stampa per annunciare il dl Rilancio, rispondendo a una domanda ha sottolineato la posizione dell’esecutivo sui possibili “corridoi sicuri per turisti” in Europa. “Io stesso nell’ultima conversazione con Ursula von der Leyen ho posto questo tema: sarebbe la distruzione del singolo mercato – ha aggiunto – Significherebbe che all’interno dell’Ue il comparto turismo possa essere determinato da accordi bilaterali. Saremmo fuori dall’Unione europea“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoratori stranieri, Conte: “Sanatoria per 600mila? Numeri più modesti. Il centrodestra ne regolarizzò 877mila, il centrosinistra 500mila”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, De Luca: “Mascherine? Dobbiamo combattere chi non la indossa e chi la porta appesa al collo. Questo è imbecille doppio”

next