Dopo l’insulto del deputato del Carroccio Alessandro Pagano che ha definito, nell’altro ramo del Parlamento, Silvia Romano una “neo-terrorista”, il tema arriva anche al Senato con i parlamentari di Italia Viva e del Partito Democratico che hanno chiesto alla presidente di Palazzo Madama, Maria Elisabetta Casellati, di intervenire sulle affermazioni del leghista. “Io credo che la stigmatizzazione di questo intervento sia prerogativa del presidente Fico, essendo avvenuta alla Camera, quindi credo esuli qui dalle mie competenze”, risponde la presidente, tentando poi di sospendere la seduta. Interviene però anche il senatore Pd Alan Ferrari: “A nessun italiano può essere mossa l’accusa e affibbiata la patente di terrorista senza che ci siano fatti a comprovarlo, a maggior ragione per una situazione come quella che riguarda la ragazza appena riportata nel nostro Paese”. La presidente del Senato replica: “Lei consentirà che in ordine a questo episodio io non posso entrare nel merito perché voi avete estratto un pezzo di una dichiarazione. Un conto è che uno renda qui una dichiarazione nella sua interezza, altro è che qua mi si notifichi che alla Camera succede qualcosa alla quale io non ho assistito né ho il resoconto di tutto quel che è successo. Io – conclude la seconda carica dello Stato – non mi sottraggo mai alle mie responsabilità e non ho timore di fare dichiarazioni alcune, mi limito soltanto a quella prudenza che è necessaria rispetto a un episodio al quale io non ho assistito, non conosco le dichiarazioni, non conosco quello che è accaduto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoratori stranieri, Bellanova: “Se Stato non si fa carico della lotta a caporalato si lascia campo libero alle mafie. Clandestini? Sono persone”

next
Articolo Successivo

Sondaggi, Ixè: fiducia in Conte stabile al 59%. Per il 71 per cento degli intervistati il governo ha gestito bene l’emergenza. In calo Lega e Pd

next