Momenti di tensione alla Camera quando il deputato della Lega Alessandro Pagano, durante la discussione sul decreto Covid, ha definito “neo terrorista” Silvia Romano. Immediata la reazione della presidente di seduta Mara Carfagna che ha subito definito “improprio” e “inaccettabile” l’epiteto espresso in aula nei confronti della volontaria italiana. Proteste fra i banchi della maggioranza. Per il Pd ha preso la parola Emanuele Fiano per condannare quanto detto dal deputato leghista, sottolineando che quanto detto in aula è una “calunnia” nei confronti di chi dai terroristi è stata tenuta come prigioniera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Silvia Romano, Bersani a ‘Dimartedì’: “Si sono sentiti rumoracci vergognosi. Come si permettono di dire quella robaccia lì?”

next
Articolo Successivo

Silvia Romano, l’insulto del deputato della Lega: “Neo-terrorista”. Caos alla Camera. Fico: “Parole d’odio violente e inaccettabili”

next