Le si è avvicinato il 22 marzo nell’atrio di Victoria Station, dove lavorava, e l’ha aggredita, dichiarandosi infetto da coronavirus e poi tossendole e sputandole addosso. Poi era scappato, ma per causa sua Belly Mujinga, 47enne già con problemi respiratori, è rimasta contagiata e si è ammalata di Covid-19. Ricoverata al Barnet Hospital, il 2 aprile è stata attaccata a un ventilatore ma è morta tre giorni dopo. Il caso, che è su tutti i media britannici, è stato denunciato dal sindacato Transport Salaried Staffs Association e la polizia ha aperto un’inchiesta per rintracciare l’uomo che ha aggredito allo stesso modo anche una collega di Mujinga, rimasta anche lei contagiata.

“Siamo scioccati e devastati dalla morte di Belly – ha detto Manuel Cortes, segretario generale del sindacato, ha dichiarato -. È una dei troppi lavoratori in prima linea che ha perso la vita a causa del coronavirus”. E si domanda perché, viste le sue condizioni di salute, sia comunque rimasta al lavoro e a contatto col pubblico durante la pandemia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, positivo il portavoce di Putin: è in ospedale. Russia 2° al mondo per numero di contagi: sono oltre 230mila

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a Wuhan test a tutti gli 11 milioni di abitanti: paura per una seconda ondata di contagi

next