Settanta anni fa vedeva la luce Seat, l’azienda che ha motorizzzato la Spagna. Fondata dall’Instituto Nacional de Industria spagnolo, che deteneva il 51% del pacchetto azionario, con la partecipazione della Fiat al 7%. E infatti fino all’ingresso nel Gruppo Volkswagen nel 1984, Seat ha costruito su licenza le utilitarie di Torino.

La produzione in serie prese ufficialmente il via nel 1953 al ritmo di cinque Seat 1400 (gemella della Fiat 1400) al giorno nello stabilimento di Zona Franca a Barcellona. Successivamente, nello stesso stabilimento, fu avviata la produzione della 600, l’auto che dal 1957 ha segnato l’avvio della motorizzazione di massa spagnola (800.000 esemplari prodotti).

“Nei suoi 70 anni di storia – ha dichiarato Carsten Isensee, Presidente di SEAT e Vicepresidente di Finanza e IT – Seat ha dimostrato la capacità di evolvere e affrontare con successo le sfide che ne hanno costellato il percorso. Una forza innovatrice che ha visto la casa iberica passare dall’essere un semplice produttore di automobili a diventare un’azienda solida, tecnologica e industriale”.

Una storia ricca di successi che ha portato il marchio catalano, oltretutto, a sfornare auto sviluppate e disegnate all’interno dei propri confini ad essere esportate per l’80% della produzione complessiva.

Riprendendo il discorso storico, va detto che il 1984 è un anno chiave: esce di produzione la Fura e nasce la prima Seat progettata e costruita a Zona Franca: la Ibiza. Con cui si inaugura il nuovo stabilimento di Martorell, un complesso industriale capace di realizzare 1.500 esemplari al giorno.

Ad oggi le Seat prodotte sono 19 milioni. Alle catene di montaggio degli stabilimenti di Barcellona, El Prat de Llobregat e Martorell, da dove escono 2.300 auto al giorno fra Ibiza, Arona e León si sono aggiunti gli stabilimenti oltre confine: Repubblica Ceca, per Ateca, Germania per Tarraco, Portogallo per Alhambra e la Slovacchia per Mii electric, primo modello 100% elettrico del brand.

Ricordate che nel 1953 dagli stabilimenti uscivano cinque 1400 al giorno? Oggi per costruire 5 auto bastano tre minuti! Rispetto ai due anni di attesa necessari negli anni Cinquanta per avere una 600, oggi con il progetto Fast Lane è possibile acquistare una Seat in 10 minuti e cinque click ricevendola in meno di tre settimane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto, le associazioni europee chiedono interventi delle istituzioni e incentivi statali

next
Articolo Successivo

Suv, piccolo è meglio. Dopo il Coronavirus le vendite in Europa ripartiranno così

next