Polizia, carabinieri e vigili. Persino l’esercito. Il giorno dopo le immagini di ieri sera, che vedevano i Navigli affollati per l’ora dell’aperitivo, definite “preoccupanti” dall’Istituto superiore di sanità, e le polemiche, lungo le sponde dei corsi d’acqua ci sono poche persone, mentre sono stati rafforzati i controlli. Vigili e poliziotti fanno su e giù dove i locali iniziano ad aprire per l’aperitivo d’asporto, (molti con cartelli che raccomandano di evitare assembramenti) ma i clienti ancora scarseggiano. Pattuglie anche lungo la Darsena, dove alcuni cittadini sono stati fatti alzare dalle panchine. Dopo i video dell’aperitivo a Milano, il sindaco Giuseppe Sala, aveva mandato un ultimatum: “O si cambia, o li chiudo”.

di Agenzia Vista

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valerio Taglione morto, addio al coordinatore del comitato don Diana e anima delle iniziative anticamorra. Fico: “Profondo dispiacere”

next
Articolo Successivo

Franco Cordero morto, addio al giurista e scrittore che paragonò Berlusconi al caimano

next