“Coordinatore del Comitato Don Diana e anima di tutte le iniziative anticamorra tenutesi a Casal di Principe e in tutto il Casertano negli ultimi anni, ideatore e organizzatore delle rete associativa che nel Casertano garantisce il riutilizzo produttivo dei beni confiscati”. È morto, in seguito a una lunga e grave malattia, Valerio Taglione, 51 anni, per cui esprimo cordoglio il presidente dell’Antimafia, Nicola Morra, il ministro dell’Ambiente Sergio Costa e il presidente della Camera, Roberto Fico.

In un post su Facebook il comitato ricorda Taglione come “scout come don Peppe Diana, da cui aveva ereditato l’amore per il rapporto con i ragazzi, per il confronto schietto, sincero e costruttivo su temi fondamentali per le future generazioni e per il territorio come la legalità, declinata in tutte le forme, ma che prima di tutto significava il rispetto della dignità umana e delle regole di convivenza civile, quindi il rispetto dell’ambiente tanto maltrattato dalla camorra; la sua era una voce costante e rigida sui principi imprescindibili e basilari, a favore delle vittime della criminalità spesso dimenticate dallo Stato, degli ultimi come gli immigrati, ma che si rivolgeva in modo autorevole e severo anche agli amministratori pubblici. Per Valerio è cominciato un nuovo e più lungo viaggio. È stato una guida sensibile e integerrima per tutti. Non ha mai lesinato in fatiche e sempre pronto al sorriso. Ogni battaglia per il bene e per gli ultimi era anche la sua. Ha amato la Vita fino all’ultimo momento. Ci lascia grandi insegnamenti ed è stato un privilegio per noi tutti camminargli accanto. Ciao Valerio..”.

“Apprendo con profondo dispiacere della scomparsa di Valerio Taglione. Non dimenticheremo il suo impegno tenace per la legalità e per il riscatto delle sue terre, così come il lavoro che portava avanti con i giovani. Ai suoi cari, alla sua comunità va la vicinanza mia e della Camera dei deputati” dice il presidente Fico.

“Esprimo il mio commosso cordoglio per la morte di Valerio Taglione. Un eroe civile che ha costruito speranza e memoria dove era più difficile. Una vita improntata alla lotta alla camorra praticata quotidianamente, una vita spesa per i giovani e l’educazione alla legalità e ai valori sociali” dice il presidente della Commissione parlamentare Antimafia. “Ci ha lasciati un uomo che è stato, ogni giorno, esempio di impegno civile e di lotta, tenace e indomita, per la legalità e un mondo più giusto. Sono profondamente addolorato per la perdita del caro Valerio Taglione e mi unisco ad Alessandra, alla sua famiglia e a tutta la comunità delle terre di don Peppe Diana. Valerio ha amato la nostra terra e l’ha difesa con una straordinaria dedizione nel nome di don Peppe. Ognuno di noi gli deve qualcosa: il Paese gli è riconoscente e oggi abbiamo tutti il dovere di dare un senso a questo dolore continuando a lottare anche nel suo nome” le parole del ministro Costa.

Foto dall’account Facebook in memoria di Valerio Taglione

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati: altri 234 morti, superate le 30mila vittime. Trend del contagio stabile, la metà dei nuovi casi in Lombardia

next
Articolo Successivo

Coronavirus, controlli rafforzati e poche persone: ecco i Navigli il giorno dopo le polemiche sugli affollamenti

next