La sentenza della Corte costituzionale tedesca “non intacca” il nuovo piano di acquisto di titoli della Bce. Lo ha affermato il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, nel corso del suo intervento davanti alle commissioni Finanze e Bilancio del Senato sulla decisione della Consulta in Germania sul Qe. La decisione dei giudici tedeschi ribadisce “la piena legittimità” del Pspp (Public sector purchase programme, ndr) e “non riguarda in alcun modo le misure di politica monetaria assunte dalla Bce per far fronte all’emergenza Covid”.

Gualtieri ha detto di ritenere che il chiarimento chiesto al governo tedesco sul Pspp “avverrà in tempi rapidi e anche per questo aspetto” procedurale del Pspp “non ci sarà alcuna conseguenza pratica rispetto alla partecipazione della Bundesbank per la quota parte di acquisto titoli”. Il ministro dell’Economia ha affrontato anche il nodo Mes: “L’Italia – ha detto – parteciperà vigilando che i documenti finali siano in linea con l’elemento dell’assenza di condizionalità” sul Mes. “La nostra linea rossa è avere il Recovery Fund e una serie di strumenti, non uno solo. E che il Mes offra una linea di credito senza condizioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Garavaglia: “Lombardia querelerà Inps? Fa bene. Troppe mance al Sud”. Padoan: “Lei fa un minestrone e polemiche inutili”

next
Articolo Successivo

Fase 2, basta con le repressioni di massa! I cittadini devono tornare liberi

next