Cominciamo bene! Dopo tanto bla-bla sulla natura e gli animali che riprendono la scena mentre il mondo umano va in quarantena, la fase Uno e Mezzo si è aperta in Italia con la cattura dell’Orso M49. Peccato, in questo periodo ci eravamo appassionati in tanti per le scorribande post-letargiche dell’orso più famoso d’Italia: nelle ultime settimane aveva divorato alveari scoperchiando arnie, si era scolato bottiglie d’olio aprendo malghe abbandonate, era stato fermato a metà pasto sulle carni di un povero malcapitato vitello e persino individuato e ripreso da lontano mentre giocava, sazio e felice, con le ultime nevi (vedi blog precedente).

Alla fine il nostro eroe plantigrado è stato riportato di nuovo nel Centro di recupero della Fauna alpina di Casteller, ovvero da dove era già clamorosamente fuggito. Vedremo se adesso riusciranno a contenerlo nel grande recinto apposito, magari facendolo interessare di più, ora che è grandicello, all’altra ospite di rilievo, che le cronache registrano come l’orso esemplare DJ3, femmina adulta.

La cattura è stata una vera e propria prodezza degli specialisti della Forestale trentina, che, alla fine di una rincorsa durata mesi, non hanno sparato un colpo nemmeno di sedativo, ma utilizzato una trappola a tubo gigantesca, dove M49 dovrebbe passare un breve periodo di “ambientamento”. Sono pur sempre dei militari in divisa, e non possono nemmeno dire apertamente quello che pensano: così si sono beccati subito in silenzio il plauso dell’ineffabile governatore della provincia Maurizio Fugatti, autore di una serie di figuracce che costeranno voti a Salvini, quasi più del primatista lumbard Fontana.

Per digerire un po’ il fattaccio e alleggerire l’immagine dei nostri poveri ‘bear-hunters’ consiglio a tutti di andarsi a leggere il report annuale sugli orsi, i lupi e la lince del servizio foreste e fauna del Trentino, dedicato al loro giovane collega ambientalista militante Daniele Asson, prematuramente scomparso in un incidente. Da queste pagine ufficiali, peraltro, s’intuisce bene che la questione relativa a M49 è stata anche economica: al di là dei costi di una lunghissima ‘caccia’, a questo orso sono stati attribuiti il 30 per cento dei danni indennizzati dalla provincia, 45mila euro circa, nel solo 2019, su 152mila e rotti che hanno coperto le incursioni dell’intera popolazione locale di orsi, che ammontano a una novantina.

La storia più straordinaria che si può leggere nel report è quella relativa ai due cuccioletti orfani o abbandonati dalla madre, M11 e M56, che sono stati raccolti e cresciuti per qualche mese, con grande pazienza e con estrema attenzione a non mutarne la natura selvatica, proprio nel centro di Casteller, per poi essere liberati in natura appena un po’ rinforzati (un’iniziativa, questa sì, che avrebbe meritato il plauso della politica e dell’opinione pubblica!). Per stabilire una sorta di protocollo di questo delicato intervento i trentini sono andati a scuola dai due esperti internazionali di riferimento, un americano e un russo, che li hanno messi sull’avviso in particolare per l’irresistibile capacità d’interazione degli orsetti.

E l’assistente forestale Antonio Staffella, che ha partecipato personalmente a questo progetto, spiega bene quel che fa questo magnifico piccolo di animale in cattività: all’inizio l’orsetto cerca solo un nascondiglio e non si sogna di farsi vedere nemmeno a mangiare; passato il primo periodo di diffidenza, la paura si trasforma in atteggiamenti spavaldi tipici degli adulti, quella volta al giorno che l’uomo arriva a portare il cibo e a fare le pulizie; infine, “dopo quattro o cinque settimane, la sua attenzione si rivolge sempre di più nei confronti del custode con il quale prova a interagire: in questa fase il cucciolo inscena spesso una sorta di invito al gioco, con capriole e altro, per attirare l’attenzione su di sé”.

Il nostro fortunato forestale trentino nota a questo punto, con uno strano misto d’orgoglio e malinconia, come sia difficile resistere al fascino dell’interazione affettiva con l’orsetto, anche per un esperto di fauna selvatica adeguatamente preparato.

Probabilmente è stato qualche nostro antenato delle caverne a cominciare il recupero degli orfani d’orso, e qualche piccolo cavernicolo a giocare con gli orsetti veri, ignari che avrebbero dato la stura a una tradizione secolare di cuccioli di stoffa e di peluche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trento, catturato l’orso M49: riportato nel recinto del Casteller. Ambientalisti: “Ingiusta crudeltà”. Costa: “Cerco Paese che lo accolga”

next