La piena libertà di movimento non scatterà il 4 maggio, bar e ristoranti non rialzeranno subito le saracinesche ma verrà comunicata una data e potranno intanto lavorare a domicilio e da asporto, nelle classi si tornerà a settembre. Per le mascherine verrà fissato un prezzo calmierato e si lavora all’azzeramento dell’Iva, mentre – volgendo lo sguardo in Europa – la prossima battaglia sono i trasferimenti per garantire chance di ripresa anche ai Paesi, come l’Italia, con debito pubblico alto. Il Mes? “L’ultima parola spetta al Parlamento”. E restando nell’emiciclo: “Forza Italia ha un atteggiamento critico ma costruttivo, il resto del centrodestra fa opposizione strumentale”. Nella giornata in cui verrà delineato il piano per la ripartenza, da annunciare al massimo nei prossimi giorni, Giuseppe Conte traccia i contorni della Fase 2, della strategia per la ripresa economica e delle prossime mosse in Europa in un’intervista a Repubblica.

“Stiamo lavorando per consentire la ripartenza di buona parte delle imprese, dalla manifattura alle costruzioni per il 4 maggio”, dice il presidente del Consiglio. “Non possiamo protrarre oltre questo lockdown: rischiamo una compromissione troppo pesante del tessuto socio-economico del Paese”, avvisa il premier spiegando che l’annuncio del piano avverrà “al più tardi all’inizio della prossima settimana” ma potrebbe già esserci in serata, dopo l’ultima cabina di regia con gli enti locali. Anche perché alcune attività imprenditoriali “strategiche” – lavorazioni per l’edilizia carceraria, scolastica e per contrastare il dissesto idrogeologico, come pure attività produttive e industriali prevalentemente votate all’export – “potranno riaprire già la settimana prossima” presentando l’autocertificazione ai prefetti, come hanno fatto altre 192mila aziende “essenziali” durante il lockdown. Una questione, quella dell’annuncio del piano, sul quale premono gli enti locali. Dai sindaci per la questione mobilità ai presidenti di Regione sulle attività produttive.

Per quanto riguarda i cittadini e il distanziamento sociale, invece, chiarisce Conte, nel piano ci sarà una “revisione delle regole” che “non significa abbandono delle regole”. Insomma: “Non siamo ancora nella condizione di ripristinare una piena libertà di movimento, ma stiamo studiando un allentamento delle attuali, più rigide restrizioni – spiega – Ho già anticipato che non sarà un “libera tutti”. Faremo in modo di consentire maggiori spostamenti, conservando, però, tutte le garanzie di prevenzione e di contenimento del contagio”.

Per esempio, la scuola, ormai è ufficiale, “riaprirà a settembre”. Perché, dice Conte, tutti gli scenari elaborati dal comitato tecnico-scientifico “prefigurano rischi molto elevati di contagio”. E in gioco ci sono diversi fattori: “È in gioco la salute dei nostri figli, senza trascurare che l’età media del personale docente è tra le più alte d’Europa. La didattica a distanza, mediamente, sta funzionando bene”. Quindi l’appuntamento in aula sarà dopo l’estate. Potrebbe esserci prima, invece, il ritorno dei credenti in chiesa con il comitato tecnico-scientifico al lavoro per “nuove regole per le cerimonie religiose”, ad iniziare dai funerali.

Anche bar e ristoranti “non riapriranno il 4 maggio”, ma rassicura Conte, “stiamo però lavorando per consentire ai ristoratori non solo consegne a domicilio ma anche attività da asporto”. E in ogni caso, aggiunge, nel piano “confidiamo di offrire a tutti gli operatori economici un orizzonte temporale chiaro, in modo da avere in anticipo tutte le necessarie informazioni e adottare per tempo le precauzioni utili a ripartire in condizioni di massima sicurezza”. Sperando che alcune regioni, come il Veneto, non provino fughe in avanti: “Non possiamo procedere in ordine sparso. Non possiamo permettercelo perché il virus non conosce distinzioni territoriali e dobbiamo assolutamente prevenire una seconda ondata di contagi”, ribadisce il premier.

Per questo nella Fase 2 sarà fondamentale anche l’utilizzo delle mascherine e la loro disponibilità in numero sufficiente: “Introdurremo presto un prezzo calmierato, in modo da evitare speculazioni e abusi di mercato. Quanto alla riduzione dell‘Iva, in realtà farò di tutto per pervenire al più presto alla completa eliminazione dell’Iva”, è l’impegno del presidente del Consiglio. Non solo: “Per gestire in sicurezza la Fase 2 sarà necessaria una strategia integrata che il ministro Speranza sta già perseguendo: saranno necessari un deciso rafforzamento delle attività di contact tracing e il potenziamento della tele-assistenza. Saranno fondamentali anche i controlli molecolari con il tampone e sierologici, con l’analisi del sangue”.

Sull’economia e la strategia Ue, il presidente del Consiglio parla di “successo politico notevole” sui Recovery Fund, pur dicendosi “consapevole” sulla necessità di “lavorare” affinché “sia davvero consistente dal punto di vista della dimensione finanziaria e possa essere attivato subito attraverso un adeguato sistema di garanzie”. E sottolinea che sarà “importante” anche che “preveda trasferimenti, in modo da assicurare, nello spazio europeo, un reale “level playing field”, una pari chance di ripresa per tutti gli Stati membri, anche per quelli che si ritrovano con debiti pubblici più elevati”, come l’Italia.

E ora bisogna approfittare degli strumenti finanziari per smuovere “un sistema anchilosato e burocratizzato” con un “ventaglio di misure ‘sblocca-Paese'”, che “andranno a incidere su tutti i gangli più macchinosi dei nostri apparati pubblici e del nostro sistema economico”. Sul Mes, la linea è la stessa annunciata giorni fa con un lungo post su Facebook, al netto delle zero condizionalità “né macro-economica né specifica, né preventiva né successiva”, in ogni caso, “l’ultima parola sul punto spetta al Parlamento”. Dove, sottolinea il premier, Forza Italia resta “una forza di opposizione”. Con una stoccata e distinguo alle minoranze parlamentari: “Questo non toglie la possibilità che si possa distinguere l’atteggiamento anche molto critico, ma costruttivo di Forza Italia dall’atteggiamento più strumentale assunto dagli altri partiti di centrodestra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 aprile, Di Maio: “Liberazione ci ricorda che la cosa giusta non è a vantaggio di un singolo, ma di un’intera nazione. È simbolo di unione”

next
Articolo Successivo

Sondaggi, la Lega in calo: perde quasi il 6% e adesso il Pd è a 4 punti. Balzo in avanti del M5s

next