La Lega perde quasi il 6% nei sondaggi, cala sotto il 30 e si ritrova il Pd molto vicino. E anche l’altra gamba della maggioranza, il Movimento Cinque Stelle, cresce e si assesta oltre il 18%. È questa l’ultima fotografia del consenso dei partiti scattata da Ipsos di Nando Pagnoncelli e pubblicata dal Corriere della Sera.

Il partito di Matteo Salvini, pur mantenendosi al primo posto con il 25,4 per cento, arretra del 5,7, scende al di sotto del 30% e ritorna sui valori del maggio 2018. Così il Pd – che mantiene al secondo posto con il 21,3% – grazie a una crescita dello 0,7% si riporta sui valori dell’estate scorsa, prima della scissione di Matteo Renzi, e si piazza ad appena 4 punti percentuali dal Carroccio. La crescita maggiore è però quella del M5S, che aumenta il gradimento del 3,3% attestandosi al 18,6. A seguire Fratelli d’Italia con il 14,1% (+1,1%), e Forza Italia con il 7,5% (+0,7%).

Nel complesso i tre principali partiti del centrodestra perdono il 4,2%, scendono per la prima volta nell’anno al di sotto del 50% (47%), e riducono a soli 2 punti il vantaggio sulle quattro forze della maggioranza (che salgono al 45%), dai quasi 10 di marzo. “Il M5S – spiega Pagnoncelli – sembra beneficiare dell’immagine positiva del governo e del presidente più del Pd che è stato a lungo silente a causa della malattia del suo segretario Zingaretti colpito dal coronavirus”.

Tra le forze di maggioranza, l’unica in contrazione è Italia Viva: il partito di Matteo Renzi balla ora sulla soglia del 3%, secondo Ipsos, perdendo mezzo punto percentuale in trenta giorni. Guadagna lo 0,4 Azione di Carlo Calenda (1,4) e avanza +Europa (+0,7 a 1,7). Stabili Sinistra ed Europa Verde attorno al 2%.

Crescono anche il gradimento del governo (58, +2) e del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (66, +8). Le difficoltà della Lega si notano anche dal gradimento del suo leader: Salvini perde in un mese 8 punti (da 39 a 31). Ora è sostanzialmente appaiato a Nicola Zingaretti (stabile a 30) e viene superato sia da Roberto Speranza (da 33 a 37) che da Giorgia Meloni (anche lei in piacchiata, da 41 a 35). Stabili gli altri leader da Luigi Di Maio (29) a Matteo Renzi, ultimo per gradimento con 13 punti dietro anche a Bonafede, Crimi e Berlusconi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Conte: “Non ci sarà piena libertà di movimento dal 4 maggio, bar e ristoranti riapriranno dopo. La scuola? A settembre”

next
Articolo Successivo

Guccini fa la sua “Bella Ciao” sui leader di centrodestra: “Salvini con Berlusconi e i fasci della Meloni”. Lei si infuria: “Ci vuole a testa in giù?”. Il video

next