Da Lambrate a Dergano, ieri sera i muri di oltre 50 palazzi milanesi si sono trasformati in schermi cinematografici per celebrare la Festa della Liberazione. “Abbiamo pensato che chiunque avesse un proiettore avrebbe potuto regalare ai vicini di casa delle immagini per poter evadere da quello che stiamo vivendo” racconta Elia Rollier, membro di Cinevan che ha promosso l’iniziativa “Panorami di Libertà” insieme ad altre associazioni. C’è chi ha proiettato testimonianze di partigiane e chi spezzoni di film come Roma città aperta o Mediterraneo. “Abbiamo riscoperto uno spazio del vicinato”, raccontano Veronica e il suo compagno che hanno organizzato la proiezione insieme ai vicini, “e oggi che è la Festa della Resistenza è molto importante resistere insieme”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, sarà la società Abbott a fornire i primi 150mila test sierologici al governo

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il prefetto di Venezia contro l’allentamento delle restrizioni di Zaia: ‘Norme illegittime che collidono con decreti governo’

next