Pure don Raffaè tenta di approfittare dell’emergenza coronavirus per uscire di galera. E non è il solo: tra i detenuti si è aperta una vera e propria corsa per chiedere di andare agli arresti domiciliari. boss e gregari, padrini e killer provano a tornare a casa sfruttando il momento emergenziale. Dopo Francesco Bonura, il colonnello di Bernardo Provenzano che ha ottenuto di passare direttamente dal carcere duro alla sua casa di Palermo, adesso pure Raffaele Cutolo vuole andare agli arresti domiciliari. Nella mattinata del 23 aprile il suo legale, l’avvocato Gaetano Aufiero, ha presentato l’istanza al Tribunale di Sorveglianza di Reggio Emilia, competente per il carcere di Parma, dove il fondatore della Nuova camorra organizzata è detenuto in regime di 41 bis.

La corsa ai domiciliari – Oggi Cutolo ha 78 anni, gli ultimi quaranta trascorsi in galera per scontare i quattro ergastoli ai quali è stato condannato. Il 19 febbraio scorso le condizioni di salute del boss si erano improvvisamente aggravate ie Cutolo era stato trasferito in ospedale. Il 9 marzo, però, era stato dimesso ed era tornato in carcere. In caso di via libera da parte del magistrato, il boss di Ottaviano sarebbe il secondo detenuto a uscire dal carcere duro in piena emergenza coronavirus. Come nel caso di Bonura, boss di Cosa nostra che ha ottenuto i domiciliari pochi giorni fa, anche Cutolo chiede di tornare a casa appellandosi alle leggi ordinarie e non a quelle emergenziali varate dal governo per combattere l’epidemia. Nel decreto Cura Italia, infatti, l’esecutivo ha stabilito che per diminuire l’affollamento dei penitenziari i detenuti condannati per reati di minore gravità, e con meno di 18 mesi da scontare, potevano farlo agli arresti domiciliari. Una norma, dunque, che escludeva i mafiosi.

La nota del Dap – Il 21 marzo del 2020, però, il Dipartimento amministrazione penitenziaria ha inviato una circolare per chiedere alle varie carceri di stilare una lista dei detenuti over 70 e con alcune patologie e di fornirla “con solerzia all’autorità giudiziaria, per eventuali determinazioni di competenza”. Che determinazioni? Quella nota ha mandato fibrillazione gli ambienti giudiziari legati alla gestione carceraria. Il motivo? Non fa distinzione fra i detenuti, e quindi include in quegli elenchi di ultrasettantenni anche i circa 75o carcerati in regime di 41 bis e le migliaia che invece stanno nei reparti ad Alta sicurezza. Cioè il carcere duro dove sono reclusi boss mafiosi e stragisti. Gli stessi reparti dove negli ultimi giorni diversi detenuti stanno pensando di chiedere agli avvocati di attivarsi. E depositare una richiesta di differimento pena per motivi di salute, con una situazione aggravata dall’emergenza coronavirus. A Bonura è già stata concessa. D’altra parte nell’elenco di carcerati over 70 trovano posto pericolosi boss di Cosa nostra come Leoluca Bagarella, killer dei corleonesi e cognato di Totò Riina, il cassiere della mafia Pippo Calò, il boss di Catania Nitto Santapaola e il capostipite della ‘ndrangheta Umberto Bellocco.

Memoriale Coronavirus

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, colletti bianchi e reggenti del clan: pure gli uomini della ‘ndrangheta in Emilia vogliono andare ai domiciliari

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il superboss Nitto Santapaola resta in carcere. Il giudice: “È in cella singola al 41bis, protetto dal rischio contagio”

next