Avevano già denunciato sui media le carenze nei protocolli interni di sicurezza della struttura, che avrebbero favorito il contagio tra ospiti e operatori, e le “velate” minacce per chi voleva usare le mascherini e altri presidi di sicurezza. Ora infermieri e operatori del Pio Albergo Trivulzio di Milano, la casa di riposo e cura dove tra marzo e aprile hanno perso la vita 100 ospiti, hanno cominciato a raccontare agli inquirenti della procura di Milano e agli investigatori della Guardia di finanza cosa accadeva e perché. I dispositivi di protezione individuale erano sgraditi: “Ci minacciavano se usavamo le mascherine, non dovevamo spaventare i pazienti” hanno dichiarato a verbale.

Stando ai racconti dei lavoratori e ad una lettera di diffida che era stata inviata dai sindacati Cisl-Cgil ai vertici della struttura (tra cui il direttore generale Giuseppe Calicchio, indagato per epidemia e omicidio colposi) gli operatori avrebbero ricevuto le mascherine per proteggere loro stessi e gli anziani ospiti oltre un mese dopo lo scoppio dell’epidemia in Lombardia, il 23 marzo scorso. E gli stessi sindacati avevano parlato delle “velate minacce” agli operatori. Anche tra lo stesso personale del Trivulzio, però, in questi giorni sono volate accuse incrociate tra chi difende i vertici e chi li accusa, come hanno fatto molti familiari degli anziani con le loro denunce.

Venerdì è stata sentita un’infermiera che lavora all’Istituto Frisia di Merate (Lecco), struttura che fa capo al Trivulzio, e che ha ripetuto ciò che aveva già denunciato: mancavano i “presidi sanitari” di sicurezza, i pazienti e gli anziani con sintomi “non venivano isolati” in modo corretto e i parenti continuavano ad entrare anche dopo lo scoppio dell’epidemia. Gli investigatori delle Fiamme gialle in videoconferenza hanno iniziato a raccogliere testimonianze su presunti errori di gestione da parte dei responsabili del Pat. E proprio nell’Istituto Frisia è in corso da stamani un’ispezione dei carabinieri del Nas per acquisire documentazione. Oggi proseguono anche i controlli, come avvenuto nei giorni scorsi, del Nucleo antisofisticazione e sanità di Milano, guidato dal tenente colonnello Salvatore Pignatelli, in altre Rsa di quattro province lombarde: oltre a Milano, anche a Monza, Como e Varese.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iran, i curdi iracheni respingono il richiedente asilo Mustafa Salimi: impiccato subito dopo

next
Articolo Successivo

Viadotto crollato ad Aulla, 17 indagati dalla procura di Massa Carrara: le accuse sono di crollo e disastro colposo

next