La curva del contagio è stabile: con i 3.491 casi in più rispetto a ieri continua a crescere del 2,2%. Ieri il trend era del 2,06%, l’altro ieri del 2,29%. Prosegue dunque il plateau, quella fase pianeggiante in cui la crescita decelera ma non entra ancora in fase regressiva. Scende, e ormai da alcuni giorni, la pressione negli ospedali: rispetto a ieri ci sono 858 ricoverati in meno. I dati di sabato 18 aprile si segnalano soprattutto per una novità: è il primo giorno dal 22 febbraio in cui non vengono diffusi durante una conferenza stampa, ma solo con un bollettino pubblicato sul sito della Protezione civile.

Cala la pressione negli ospedali – A quasi due mesi dallo scoppio della pandemia, dunque, in Italia ci sono stati 175.925 casi totali, compresi morti e guariti. Nelle ultime 24 ore, putroppo, sono morte altre 482 persone. Ieri l’aumento era stato di 575. Il totale delle vittime sale dunque a quota 23.227. Quasi il doppio le persone guarite: sono 44.927, ben 2.200 in più rispetto a ieri quanto si era registrato il record di soggetti che avevano sconfitto la malattia in una giorno, cioè 2.563. Al momento i malati sono 107.771, con un incremeto di sole persone attualmente positive di un incremento di 809 rispetto a ieri, quando l’aumento era stato di 355 (il più basso dal 2 marzo). Tra i dati positivi il trend costantemente in calo dei ricoveri in terapia intensiva: oggi sono 2.733, 79 in meno rispetto a ieri. Di questi, 947 sono in Lombardia, 24 in meno rispetto a ieri. Dei 107.771 malati complessivi, 25.007 sono ricoverati con sintomi, 779 in meno rispetto a ieri, e 80.031 sono quelli in isolamento domiciliare.

Lombardia, altri 1.246 casi e 199 morti – Nella regione più colpita sale a 65.381 il numero di positivi, con 1.246 casi in più rispetto a 24 ore fa. Il numero dei decessi rispetto a ieri, invece, è di 199, per un totale di 12.050. Sale anche il numero dei dimessi con 1.629 persone uscite dagli ospedali nell’ultimo giorno, mentre è di 255.331 il numero totale dei tamponi effettuati, con 11.818 solo nelle ultime 24 ore. “L’accesso agli ospedali sta calando. Più persone riescono a guarire. Il dato decessi ci lascia sempre addolorati e ci fa dire che siamo ancora in emergenza e che nella fase 2 i comportamenti saranno di fondamentale importanza”, ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala.
I casi regione per regione – Dai dati della Protezione civile emerge che 13.584 i malati in Emilia-Romagna (uno in meno rispetto a ieri), 14.223 in Piemonte (225 in più), 10.444 in Veneto (-174), 6.470 in Toscana (-113), 3.412 in Liguria (-47), 3.172 nelle Marche (+15), 4.282 nel Lazio (+68), 3.045 in Campania (+18), 1.985 nella Provincia di Trento (-5), 2.694 in Puglia (+38), 1.403 in Friuli Venezia Giulia (-25), 2.171 in Sicilia (+32), 1.971 in Abruzzo (+29), 1.556 nella provincia di Bolzano (-26), 431 in Umbria (-63), 881 in Sardegna (+9), 832 in Calabria (+13), 549 in Valle d’Aosta (-58), 262 in Basilicata (-4), 209 in Molise (+1). Quanto alle vittime, se ne registrano 12.050 in Lombardia (+199), 2.965 in Emilia-Romagna (+62), 2.252 in Piemonte (+81), 1.059 in Veneto (+33), 618 in Toscana (+16), 897 in Liguria (+31), 795 nelle Marche (+10), 340 nel Lazio (+8), 300 in Campania (+7), 348 nella provincia di Trento (+6), 314 in Puglia (+7), 222 in Friuli Venezia Giulia (+2), 196 in Sicilia (+6), 253 in Abruzzo (+7), 239 nella provincia di Bolzano (+5), 57 in Umbria (+0), 86 in Sardegna (+0), 73 in Calabria (+0), 124 in Valle d’Aosta (+1), 23 in Basilicata (+1), 16 in Molise (+0). I tamponi complessivi sono 1.305.833, 61.725 più di ieri. Degli oltre un milione e trecentomila tamponi, oltre 624 mila sono stati effettuati in Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto.
Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, folla in strada per il funerale del sindaco di Saviano. Il prefetto di Napoli: “Grave, valutare reati”

next
Articolo Successivo

Palermo, Corte d’Appello reintegra il direttore di Arpa per l’emergenza coronavirus: la sua nomina dichiarata illegittima a febbraio

next