L’incremento della mortalità complessiva nel mese di marzo e nei primi quattro giorni di aprile, quindi per qualunque causa e non solo per coronavirus, riguarda tutta Italia ma si concentra soprattutto al Nord. È la prima evidenza che emerge dai nuovi dati diffusi dall’Istat: l’Istituto ha scelto di concentrarsi su 1689 Comuni considerati rappresentativi e ha rilevato che nell’Italia settentrionale si registrano le variazioni più consistenti. In oltre la metà dei Comuni del Nord presi i considerazione, i morti per il complesso delle cause sono più che raddoppiati nel periodo dal 1 marzo al 4 aprile rispetto al dato medio dello stesso periodo degli anni dal 2015 al 2019.

Il metodo – L’Istat ha deciso di concentrarsi sui Comuni italiani in cui ci sono stati almeno dieci morti nel periodo 4 gennaio-4 aprile (ultimi tre mesi) e in cui si registra un aumento dei morti pari o superiore al 20 per cento nel periodo 1 marzo-4 aprile 2020 rispetto al dato medio dei 4 anni precedenti. In questo modo l’Istituto di statistica ha selezionato i Comuni che presentano un importante eccesso di mortalità: sono in tutto 1689, la scorsa settimana erano 1450. “Questi comuni non costituiscono un campione – spiega l’Istat – ma solo un loro sottoinsieme meritevole di attenzione: l’importante incremento dei decessi per il complesso delle cause, infatti, si è osservato proprio in concomitanza della diffusione dell’epidemia di Covid-19“.

La distribuzione temporale e geografica – L’incremento della mortalità complessiva osservato nel mese di marzo e fino al 4 aprile rappresenta un’inversione di tendenza dell’andamento della mortalità giornaliera dei mesi di gennaio e febbraio 2020. Nei primi due mesi del nuovo anno, infatti, i decessi erano stati inferiori alla media 2015-2019. Un fenomeno, osservare l’Istat, che si può spiegare con condizioni climatiche favorevoli e un conseguente rallentamento della diffusione dell’influenza stagionale. L’aumento dei morti emerge “solo a partire dalla fine di febbraio e dalla prima settimana di marzo ed è concentrato nei comuni del nord e del centro in cui l’epidemia si è diffusa di più”, scrive l’Istituto di statistica. Un incremento diffuso nei grandi comuni ma anche nelle realtà più piccole.

A Bergamo morti quintuplicati – Come era già emerso dalla precedente analisi, la situazione più critica si è verificata dei comuni della provincia di Bergamo. Il capoluogo vede quintuplicare i decessi per il complesso delle cause per il mese di marzo e per i primi quattro giorni di aprile, passando da una media di 141 casi nel 2015-2019 a 729 nel 2020. Incrementi della stessa intensità, quando non superiori, interessano la maggior parte dei comuni della provincia bergamasca. Situazioni particolarmente allarmanti anche nella provincia di Brescia: nel capoluogo i decessi per lo stesso periodo sono triplicati: da 212 nel 2015-2019 a 638 nel 2020. Aumenti ben superiori al 200% sono presenti anche in capoluoghi come Piacenza (283%), Pesaro (246%) o Cremona (345%). Tra i comuni verificati che entrano nella selezione per la prima volta, l’Istat segnala infine Bologna che presenta un incremento del 22% dei decessi dal primo marzo al 4 aprile, rispetto alla media dei decessi dello stesso periodo degli anni 2015-2019.

Anziani al Nord: +158% di decessi – Considerando invece il genere e la classe di età dei morti, le differenze tra uomini e donne sono particolarmente accentuate nei più anziani residenti al Nord: si osserva un incremento dei decessi del 158% a fronte del 105% per le donne, nella classe di età 75 e più. Una mortalità più alta per il sesso maschile si registra più in generale in tutta Italia e indipendentemente dall’età.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’analisi dell’andamento dell’epidemia: la conferenza stampa in diretta con Brusaferro, Onder e Rezza

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Onder (Iss): “Indagine su 80mila pazienti di Rsa, da febbraio morti in 7000, il 7% del totale. Il 40% con sintomi Covid”

next