“C’è una trattativa in corso. Uso le parole di Conte: il Mes è uno strumento antiquato. Forse è arrivato il momento di un mea culpa europeo, l’austerity ha fatto tagli sulla spesa pubblica e questo ha indebolito la sanità pubblica”. A dirlo, intervistato a Sono le Venti, in onda sul Nove dal lunedì al venerdì alle 19.55, il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. “Non c’è nessuna firma sul Mes, l’ultima c’è stata nel 2011 con il governo Berlusconi e i ministri di quel governo sono all’opposizione e ci accusano”.

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Majorino (Pd): “La Lombardia deve essere commissariata per la gestione sanitaria”

next
Articolo Successivo

Di Maio a Sono le Venti (Nove): “Paesi esteri chiedono il marchio ‘virus free’, discriminazioni inaccettabili sui prodotti Made in Italy”

next