Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Luca Saltalamacchia

Taglialegna #stateacasa. E’ il titolo di una petizione lanciata su change.org dalle associazioni Isde Italia, Gufi e Altura. L’antefatto è costituito dalla richiesta, avanzata dalle aziende boschive (riunite sotto le sigle Conaibo ed Aiel) ed alcuni Comuni montani, di riaprire le attività di taglio degli alberi (vietata durante il periodo di quarantena in quanto considerata non necessaria).

L’antefatto dell’antefatto è la pericolosa manipolazione della realtà, che vuol far passare le aziende boschive come soggetti che hanno a cuore la foresta. Peccato che per loro la foresta non sia altro che un ammasso di alberi destinati a bruciare nelle tante centrali a biomassa, sempre più numerose grazie ai copiosi incentivi pubblici, che stanno provocando un pauroso saccheggio degli alberi.

La foresta, invece, è un insieme complesso, di cui gli alberi sono solo una componente che interagisce con le altre, svolgendo diversi ruoli fondamentali: ospitano e favoriscono la vita di fauna e flora, contribuiscono all’assorbimento della CO2 (in piena emergenza climatica, questo è un valore prezioso aggiunto) e alla regolazione del ciclo dell’acqua, prevengono il dissesto idrogeologico, favoriscono la biodiversità, etc.

Le motivazioni addotte delle aziende boschive sanno di arrampicata sugli specchi: il blocco dei tagli non consentirebbe di rispettare gli impegni contrattuali (cosa che – oltre a non essere vera – vale per tutte le attività bloccate); la gente non ha legna per riscaldarsi (in realtà esistono ancora scorte di legname, visto che la chiusura delle attività, come le pizzerie, ha portato al crollo del consumo di legna da ardere; peraltro questo è l’inverno più caldo di sempre in Europa con ben 3,4 gradi in più rispetto alla media); il legname serve per produrre imballaggi di legno (pallet) per i settori fondamentali (ma l’industria agro-alimentare e quella farmaceutica da anni usano prevalentemente pallet di plastica e imballaggi di cartone).

Peraltro, milioni di tronchi schiantati a causa dalla tempesta Vaia giacciono inutilizzati dal 2018, per cui non si comprende l’urgenza di riaprire la stagione dei tagli in maniera indiscriminata: in caso di necessità, potrebbe essere autorizzato dalle autorità il prelievo di questi tronchi invece di autorizzare il taglio selvaggio di nuovi alberi.

Le associazioni dei tagliatori di alberi non stanno chiedendo solo di violare la quarantena (a cui sono sottoposte tutte le aziende che operano in settori non necessari), ma anche di poter violare le norme europee ed italiane che vietano i tagli dei boschi di latifoglie quando la primavera è ormai giunta e la natura sta rifiorendo.

L’assalto alle foreste è dannosissimo, con buona pace dei sostenitori della biomassa, che si spacciano per “green” ed amici dell’ambiente. Bruciare il legno, come affermano numerosi autorevoli studi, provoca maggiori emissioni di CO2 (quindi è dannoso per il cambiamento climatico) e di polveri sottili (quindi provoca inquinamento).

Siamo in piena emergenza Covid-19, e stanno arrivando i primi studi che dimostrano una correlazione tra diffusione della pandemia e livello di inquinamento (tra i tanti, si citano quello dei ricercatori dell’Università di Siena e della Aarhus University dal titolo Can atmospheric pollution be considered a co-factor in extremely high level of SARS-CoV-2 lethality in Northern Italy? pubblicato in data 4/4/20 e quello dell’Università di Harvard dal titolo Exposure to air pollution and COVID-19 mortality in the United States pubblicato il 5/4/20), per cui autorizzare il taglio di alberi è un suicidio.

Senza dimenticare che, secondo i dati forniti dall’Agenzia europea dell’ambiente nel report “Air Quality in Europe” incrociati con i dati forniti dall’Ispra, oltre 20.000 morti premature in Italia sono dovute alle combustioni di tutte le biomasse legnose. Taglialegna, fateci un favore: state a casa.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, dopo ci attendono cemento e asfalto. Alla faccia della coerenza

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il viaggio virtuale attraverso le bellezze dell’Italia: la Pasquetta alternativa nelle Oasi del Wwf dove la natura non si è fermata

next