“È successo qualcosa di nuovo nel treno europeo, non ci sono più passeggeri di prima e seconda classe, perché per la prima volta si risponde a una crisi non individualmente, con i singoli Stati che vanno da soli, ma insieme come Unione europea e tutti alla pari”. Così il presidente del parlamento europeo David Sassoli, all’indomani dell’Eurogruppo. “Naturalmente la strada è ancora lunga, ma è interesse dei cittadini un’Europa che metta a disposizione degli Stati strumenti da utilizzare liberamente senza vincoli e odiose condizioni”, aggiunge Sassoli.

“Ieri all’Eurogruppo si è imboccata la strada giusta, quella che porterà alla costituzione di un fondo per la ricostruzione economica e sociale che potrebbe anche finanziarsi sul mercato con strumenti nuovi, condividendo insieme gli oneri necessari alla rinascita”, precisa Sassoli chiedendo “coraggio” ai capi di stato e di governo. “La solidarietà europea fa passi avanti, gli egoismi nazionali arretrano, siamo solo all’inizio, ne usciremo solo con una Europa più solidale”, conclude Sassoli nel videomessaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mes: che cos’è il fondo salva-Stati, cosa si è deciso (finora) e perché il sì dell’Eurogruppo non significa che l’Italia lo ha attivato

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il presidente tedesco cita Bergamo e avverte: “È test di umanità. Non siamo solo chiamati, siamo obbligati alla solidarietà”

next