“È successo qualcosa di nuovo nel treno europeo, non ci sono più passeggeri di prima e seconda classe, perché per la prima volta si risponde a una crisi non individualmente, con i singoli Stati che vanno da soli, ma insieme come Unione europea e tutti alla pari”. Così il presidente del parlamento europeo David Sassoli, all’indomani dell’Eurogruppo. “Naturalmente la strada è ancora lunga, ma è interesse dei cittadini un’Europa che metta a disposizione degli Stati strumenti da utilizzare liberamente senza vincoli e odiose condizioni”, aggiunge Sassoli.

“Ieri all’Eurogruppo si è imboccata la strada giusta, quella che porterà alla costituzione di un fondo per la ricostruzione economica e sociale che potrebbe anche finanziarsi sul mercato con strumenti nuovi, condividendo insieme gli oneri necessari alla rinascita”, precisa Sassoli chiedendo “coraggio” ai capi di stato e di governo. “La solidarietà europea fa passi avanti, gli egoismi nazionali arretrano, siamo solo all’inizio, ne usciremo solo con una Europa più solidale”, conclude Sassoli nel videomessaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mes: che cos’è il fondo salva-Stati, cosa si è deciso (finora) e perché il sì dell’Eurogruppo non significa che l’Italia lo ha attivato

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il presidente tedesco cita Bergamo e avverte: “È test di umanità. Non siamo solo chiamati, siamo obbligati alla solidarietà”

next