Il livello di attenzione della Regione Piemonte per le residente per anziani è “massimo”, perché “il vero allarme, il vero rischio, è dentro queste strutture”. Lo diceva solo ieri il governatore, Alberto Cirio. Moltissimi i casi in tutta Italia, l’ultimo in ordine di tempo riguarda proprio una città piemontese.

La procura di Vercelli ha aperto un’inchiesta, al momento a carico di ignoti, per accertare eventuali responsabilità sul numero elevato di decessi che si è verificato nella casa di riposo della cittadina, I decessi nelle ultime tre settimane sono stati 35, anche se al momento non è possibile sapere con certezza quanti siano quelli connessi al coronavirus. Dai risultati dei tamponi arrivati dall’Asl di Vercelli nelle ultime ore è risultato che la metà degli 84 pazienti sono positivi al Covid-19. Anche tra gli operatori ci sono alcuni positivi.

“Abbiamo attivato un protocollo operativo, che riunisce Regione, Prefetture, Province e sindaci e quotidianamente analizziamo le situazioni più critiche – spiegava il governatore – Quindi monitoriamo i casi e cerchiamo di intervenire per mettere a disposizione personale, individuando alberghi per ospitare chi non vuole o non può tornare a casa, e diamo linee pratiche sule modalità di isolamento nelle strutture dei pazienti positivi”.

A Modena invece è morta un’operatrice e rappresentante sindacale della residenza per anziani Villa Margherita. La donna, di 36 anni, era stata ricoverata in terapia intensiva lo scorso 6 marzo perché affetta da Covid-19 ed era una dei 10 operatori contagiati all’interno della residenza per anziani. Ha lottato per oltre un mese, ma alla fine non ce l’ha fatta, fa sapere la Cgil.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i pm di Bergamo indagano per epidemia colposa. I carabinieri del Nas nell’ospedale di Alzano Lombardo

next
Articolo Successivo

Femminicidio Manduca, Cassazione accoglie ricorso dei tre figli della donna: in Appello era stato loro negato il diritto a essere risarciti

next