“I pennarelli e le tempere sono un bene fondamentale in quarantena”. Miryam Lucci gestisce una cartolibreria nel quartiere San Salvario, a Torino. Quando ha dovuto abbassare la saracinesca per rispettare i decreti per limitare la diffusione del coronavirus non si è persa d’animo. “Non potevamo arrenderci”, racconta mentre carica le due casse montate sulla sua bici. “Così mi sono rivolta alla Prefettura e dopo aver ottenuto i permessi ho iniziato a effettuare le consegne usando la bicicletta”. Le richieste non sono tardate ad arrivare. Oltre ottanta al giorno in tutta la città. “Riusciamo ad essere più veloci dei grandi colossi del delivery online. È una grande rivincita per noi piccoli negozi”, spiega mentre consegna una scatola di tempere ad una signora. È questo il bene più richiesto dai suoi clienti: “Ce le chiedono tantissimo, specialmente per i bambini piccoli che hanno bisogno di sporcarsi le mani. Ma c’è anche una voglia di ritornare all’analogico e al manuale: sembrava che avessimo dimenticato tutta una serie di attività che potevamo fare, ma oggi le stiamo riscoprendo”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in Sicilia il caso dei 700 dipendenti Ipab: senza stipendio da mesi ma niente ammortizzatori sociali (o altri aiuti)

next
Articolo Successivo

Coronavirus, rottura tra sindaci e governo: “5 miliardi o stop a servizi”. E al Nord la Confindustria insiste: “Necessario ripartire molto presto”. Il ministro Boccia: “Non realistico dare oggi una data per la riapertura”

next