Essere ammalati di Covid-19 significa essere soli. Le giornate interminabili, senza visite dei parenti né contatti. Per questo due infermieri degli Ospedali Riuniti Le Torrette di Ancona hanno avuto un’idea: raccogliere vecchi tablet e smartphone lasciati a far la polvere nei cassetti e usarli nei loro reparti, come ‘finestra sul mondo’ con l’esterno. E così c’è chi fa i cruciverba e chi riesce, finalmente, a chiamare i propri familiari. L’annuncio, postato su Facebook, ha permesso di raccogliere 40 dispositivi utilizzati grazie a una connessione wi-fi fornita dall’azienda.

“Quando entra nei reparti Covid il paziente è isolato – spiega Alessandra Pignocchi, infermiera del reparto e iscritta al sindacato Nursing Up – entra solo e spesso esce anche solo. Non c’è la possibilità di comunicare con l’esterno, perché spesso avviene tutto di fretta, gli ambienti sono con le finestre chiuse e misti tra uomini e donne. Anche per noi è difficile stare vicino ai pazienti, quello che vedono quando indossiamo i dispositivi individuali di protezione sono solo gli occhi. L’idea è nata da me e un altro infermiere, ci siamo confrontati con il coordinatore medico, la dottoressa Ilaria Battistoni, con la dottoressa Maria Vittoria Matassini e con la coordinatrice di dipartimento e infine abbiamo raccolto i dispositivi con dei semplici post sui nostri profili privati su Facebook“. E poi aggiunge: “Riteniamo che prima di essere buoni professionisti occorre essere ottime persone”, aggiunge Pignocchi, che sottolinea come il gesto sia stato molto ben accolto dai pazienti, che hanno ringraziato gli operatori. Specialmente i più anziani. “Una persona ci ha stretto la mano per dirci grazie – racconta – per noi è stato bellissimo”. Ma avverte i potenziali donatori: “Per sicurezza i dispositivi saranno dismessi completamente alla fine di questa esperienza, non usciranno più dal reparto. Non torneranno, insomma, indietro ai proprietari né nell’ambiente”.

Intanto in Liguria è stato attivato un servizio di videochiamata nelle residenze sanitarie per permettere agli anziani di restare in contatto con le loro famiglie durante l’emergenza coronavirus. I supporti informatici sono stati donati da Cisco a Liguria Digitale. Lo stesso servizio di contatto a distanza viene realizzato anche all’ospedale San Martino di Genova grazie a tablet donati ai reparti Covid-19. “In questi giorni di dolore sapere di essere riusciti a regalare un sorriso mi dà una grande forza – commenta il presidente della Regione Giovanni Toti – Nei primi giorni dell’emergenza mi avevano colpito le testimonianze degli infermieri che raccontavano la tristezza delle persone anziane o dei malati ricoverati in ospedale che non potevano vedere i loro cari”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Virus, ancora troppa gente in giro. Regione Lombardia: ‘Mobilità mai così alta da 15 giorni’. Sindaca Piacenza: ‘Città affollata, irresponsabili’

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in Italia 4805 nuovi casi: la curva resta stabile. Ancora 681 vittime, calano per la prima volta le persone in terapia intensiva

next