Le misure sanitarie adottate dai governi nella maggior parte dei casi non riescono a stare al passo con la velocità di diffusione del coronavirus. Quelle repressive, invece, spesso sì.

Per alcuni governi già autoritari in tempi normali, la pandemia da Covid-19 è la scusa perfetta per rafforzare poteri già eccessivi.

Il caso di scuola è l’Ungheria, dove il 30 marzo con 137 voti a favore 53 contrari e zero astenuti il parlamento ha approvato una legge che autorizza l’Esecutivo a governare, ai sensi dello stato d’emergenza, attraverso decreti, senza alcuna supervisione efficace, senza una chiara data di chiusura e senza revisioni periodiche.

La legge ha anche introdotto due nuovi reati incompatibili con le norme e gli standard del diritto internazionale dei diritti umani: chiunque diffonda informazioni false o distorte che interferiscano con “l’efficace protezione” della popolazione o crei in essa “allarme e agitazione” potrà subire una condanna fino a cinque anni di carcere. Inoltre, chiunque interferisca nell’esecuzione di ordini di quarantena o di isolamento potrà essere a sua volta punito con cinque anni di carcere, che diventeranno otto se quell’interferenza sarà causa di morte.

Durante i suoi anni come primo ministro, Orbán ha presieduto a un arretramento dei diritti umani, ha aizzato l’ostilità nei confronti di gruppi marginalizzati e ha cercato di ridurre al silenzio le voci critiche. Ha fatto la guerra contro i migranti e i richiedenti asilo, ha criminalizzato le Ong, ha vietato la diffusione dei comunicati di Amnesty International e Human Rights Watch, ha messo il bavaglio alla stampa indipendente, ha minacciato l’indipendenza del potere giudiziario.

Ora, con la scusa del coronavirus, il cerchio si è chiuso.

A meno che la reazione degli altri Stati membri e degli organismi dell’Unione europea non sia più incisiva. C’è di che attivare l’articolo 7 del Trattato dell’Unione europea, che contempla la sospensione dei diritti di stato membro a seguito del mancato rispetto dei valori fondanti descritti all’articolo 2.

Intanto, va sottolineato che appena il 2 aprile la Corte europea dei diritti umani ha stabilito che l’Ungheria (insieme a Polonia e Repubblica Ceca) è venuta meno agli obblighi previsti dal diritto dell’Unione europea. I tre paesi sono stati giudicati inadempienti rispetto a una decisione del 2015 che il Consiglio europeo aveva adottato ai fini della ricollocazione, su base obbligatoria, dalla Grecia e dall’Italia, di 120.000 richiedenti protezione internazionale verso gli altri Stati membri.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, record di contagi e vittime in Gran Bretagna. Francia: oltre 6.500 decessi, 1.400 in case di riposo. Usa, 245mila casi: oltre 100mila nel solo Stato di New York. La Spagna ha più infetti dell’Italia

next