Una delle conseguenze dirette della cosiddetta didattica a distanza messa in atto, dal giorno alla mattina, dal Ministero dell’Istruzione, causa Carogna-Virus, e realizzata grazie alle incontestabili capacità acrobatiche di noi insegnanti e allievi italiani, è la fine di quella che potremmo chiamare la didattica del controllo e della misurazione obiettiva.

Come si fa – in assenza di controllo fisico in presenza, con gli allievi lontani da noi insegnanti, o al massimo acquattati dietro un minuscolo schermo – ad essere sicuri che non copino, che non stiano leggendo dagli appunti durante l’interrogazione, o che quel determinato esercizio non gli sia stato risolto dal fratello maggiore, o da un genitore? Fatti i conti anche col digital divide immenso che separa noi vecchi adulti dai nostri giovani, la lotta appare evidentemente impari.

La scuola e i nostri allievi fuggono a gambe levate dalla didattica basata sul controllo e sulla misurazione obiettiva. E noi non siamo in grado di riacchiapparli e di riportarli nel recinto.

La faccenda ha un impatto comprensibilmente devastante su una scuola che da anni annega in oceani di griglie, nel tentativo, tanto nobile quanto inutile e ormai stucchevole, di misurare ogni competenza quantitativamente, numericamente e dunque, si sostiene, obiettivamente.

Il tentativo, invero timido, del Ministero, con la Nota 388, di incoraggiare i docenti italiani a valutare in modo diverso (sostanzialmente lasciandoli liberi di fare la qualsiasi, a patto che non sia punitiva nei confronti degli allievi, visto l’incubo di migliaia di ricorsi) li ha resi, ci ha resi, se possibile ancora più furiosi, ovviamente. Dopo il danno, la beffa.
Dunque la parola d’ordine è diventata: tutto, ma non il 6 politico. L’ha detto esplicitamente e prudenzialmente, tra un ringraziamento e l’altro, anche la ministra Azzolina. Quello mai. Tutti promossi no. Non sarebbe equo.

Ma, pensateci un po’ su, sarebbe davvero così scandaloso che in una situazione grave come questa si promuovessero tutti? Sarebbe davvero così vergognoso alleviare del carico della valutazione numerica, dell’ansia del risultato, ragazzi già messi così duramente sotto stress da tutto ciò che sta accadendo a un mondo che è, e soprattutto sarà, di loro proprietà, visto che sono il futuro?

Sarebbe davvero uno scandalo così vergognoso promuovere tutti, sostituendo i voti con dei giudizi personalizzati, pur continuando, ostinatamente, ognuno come può e come sa, la didattica a distanza, quindi la relazione e la riflessione, ma rimandando all’anno prossimo ogni valutazione e ogni misurazione ‘obiettiva’ (come se poi davvero ce ne fosse una) e risolvendo anche la faccenda degli esami con l’abolizione di quelli della scuola media (che hanno percentuali di negatività infinitesime) e la limitazione di quelli della secondaria superiore a una semplice tesina interdisciplinare valutata dagli insegnanti interni?

Non sarà che a spaventarci è la possibilità che una didattica svincolata dai meccanismi dell’obbligatorietà e del controllo, dal messaggio pavloviano premio-punizione, che poi si consustanziano in un numero, in un debito, in un credito, quasi fosse il bilancio di un’azienda, alla fine, a epidemia passata, dia risultati relativamente migliori?

Io qualche dubbio ce l’ho, mi mancano i miei allievi e la didattica in presenza, ma, via conference call, svincolato dai programmi, dalla necessità di rappresentare ogni giorno la figura di colui che giudica e condanna o assolve, senza che loro siano pressati dai risultati, ma liberi infine di conversare, di scambiarci stimoli, di discutere, sto con loro scoprendo una libertà nuova, una nuova relazione, che non mancherò di portare con me anche quando, alla fine, mi ridaranno ciò che è essenziale per qualsiasi didattica, e cioè un’aula vera.

E lì, in fondo all’orizzonte che vedo dalla mia finestra di recluso volontario, mi pare ormai spesso di intravedere il sorriso ironico di Ivan Illich e Jean Jacques Rousseau.

E se cogliessimo l’occasione del Carogna-Virus per ‘descolarizzare’ la società?

Pubblico qui alcune delle mie Noterelle dai luoghi del Carogna-Virus. Chi fosse interessato a seguirmi con continuità e completezza le troverà tutte su questa pagina Facebook che sarà aggiornata ogni 2 o 3 giorni.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, monitoraggio del ministero dell’Istruzione sulla didattica a distanza: all’appello mancano almeno 46mila tablet

next