Cinquantotto e quarantesette anni: queste le età delle vittime di due storie che arrivano dall’Emilia Romagna, una delle Regioni più colpite dal coronavirus. Fra le tante vittime della pandemia ci sono anche Giorgio Gardini, 58 anni, ispettore anti-incendi dei vigili del fuoco del Comando di Parma, e Giangabriele Scarafile, tecnico informatico 47enne che viveva a Reggio. Entrambi in buona salute prima del virus.

Gardini lottava da giorni contro la malattia, prima all’ospedale di Vaio, poi al Maggiore. 58 anni, per lungo tempo era stato caposquadra dei vigili del fuoco al distaccamento di Fidenza. Sempre disponibile e sorridente. Anche dal Comando nazionale di Roma sono arrivate le condoglianze: “Il Capo del Corpo Dattilo e tutti i vigili del fuoco si stringono al dolore della famiglia di Giorgio e dei colleghi del comando di Parma”.

Poco lontano, a Reggio, viveva il tecnico informatico Giangabriele Scarafile. Originario della provincia di Brindisi, abitava in Emilia da oltre 15 anni per lavoro. Ma era molto conosciuto anche nel mondo dell’ambientalismo: nel tempo libero faceva la guardia ecologia volontaria. Se ne andato anche lui colpito dal coronavirus.

La sua scomparsa ha preso alla sprovvista la comunità reggiana che lo aveva “adottato” quando era partito dalla Puglia. Il collega Mauro Catellani racconta al Resto del Carlino: “Era una persona estremamente buona, aveva quella bontà d’animo rara da trovare. Era sempre allegro e simpatico. Dal 2007, da quando ci lavoravo assieme, non l’ho mai visto una volta arrabbiato. Non è retorica, ma è la realtà. Era molto disponibile, aiutava tutti. Lavorava come un matto, anche 12 ore al giorno perché gli piaceva ciò che faceva. Aveva passione, ma anche un grande cuore. Nel tempo libero faceva la guardia ecologica, adorava gli animali. Davvero una gran persona che ci mancherà tanto”.

Lutto nel piccolo paese di Latiano, in provincia di Brindisi, di cui era originario. Il sindaco Mino Maiorano ha detto: “Ti ricorderemo per sempre come uno dei nostri figli caduti in questa maledetta guerra mondiale. Quando tutto sarà finito realizzeremo una targa in tua memoria che possa ricordare nel tempo il tuo sfortunato destino. Un grande abbraccio e riposa in pace”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, nave Costa Victoria bloccata al porto di Civitavecchia dal 25 marzo. L’appello dell’ufficiale: “Fateci sbarcare. Non siamo untori”

next