Diciannove tonnellate di materiale medico sanitario destinate a un altro Paese sono state requisite al porto di Gioia Tauro dai funzionari dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli e dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria. Si tratta di 364.200 paia di guanti per uso chirurgico, provenienti dalla Malesia, e 9.720 dispositivi endotracheali, provenienti dalla Cina, utilizzati per l’intubazione di pazienti con difficoltà respiratorie.

I due importanti carichi di materiale medico e sanitario rientrano nei normali traffici commerciali monitorati dai finanzieri e dall’Agenzia delle dogane. Merce assolutamente legale che era in transito da Gioia Tauro e che le aziende produttrici della Cina e della Malesia avevano spedito al compratore di un altro Paese.

I guanti chirurgici e i dispositivi endotracheali sono stati, quindi, requisiti su disposizione del commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure occorrenti per il contenimento e il contrasto dell’emergenza Covid-19. I legittimi proprietari saranno risarciti, a prezzo di mercato, per la mancata consegna del materiale sanitario che servirà a rifornire gli ospedali italiani in questa fase di emergenza Covid-19.

L’Agenzia delle dogane e la Guardia di finanza, infatti, lo consegneranno al dipartimento della Protezione civile così come stabilisce l’articolo 6 del decreto legge 18 del 17 marzo scorso secondo cui è prevista “la requisizione in uso o in proprietà, da ogni soggetto pubblico o privato, di presidi sanitari e medico-chirurgici, nonché di beni mobili di qualsiasi genere, occorrenti per fronteggiare l’emergenza sanitaria, anche per assicurare la fornitura delle strutture e degli equipaggiamenti alle aziende sanitarie o ospedaliere ubicate sul territorio nazionale”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matera, bambino di tre anni trovato morto sull’argine di un fiume: si era allontanato da casa mentre giocava con il cane

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’Istituto previdenziale dei giornalisti stanzia 42 milioni di euro per gli autonomi: “Previsto assegno di 500 euro una tantum”

next