Era in cura da giorni per una semplice influenza, poi il peggioramento, le crisi respiratorie, la corsa, inutile, in ospedale. È morto così Luca Di Nicola, 19enne di Nereto (Teramo) che da anni vive a Londra. Quando si sono accorti della gravità della situazione, i medici hanno sospettato che la crisi polmonare fosse dovuta a un contagio da Covid-19, così il giovane è stato trasferito in rianimazione, ma non ce l’ha fatta.

A dare la notizia è stato il vicesindaco del paese di origine, Maria Angela Lelii: “Da quanto ho appreso, il ragazzo era a casa da alcuni giorni, curato dal suo medico per una semplice influenza – ha detto -, fin quando martedì la situazione è precipitata. Pare sia svenuto, la madre ha chiamato l’ambulanza, all’arrivo dei paramedici è stato intubato perché aveva i polmoni collassati. È stato portato in rianimazione, ma purtroppo è morto”.

Il giovane si era trasferito nella capitale inglese già da qualche anno per raggiungere la madre e lavorava come aiuto cuoco in un ristorante. Ma nel paesino abruzzese in cui è nato e dove vivono ancora il padre e il fratello la notizia della tragedia si è diffusa rapidamente: “Come amministrazione ci siamo messi subito a disposizione della famiglia – ha detto il vicesindaco – per tutto quello che può servire”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, voto a distanza per 687 membri del Parlamento europeo. Presidente Sassoli: “Prima volta nella storia”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, stop agli addestramenti: l’Italia rimpatria 200 militari di stanza in Iraq

next