Riduzione temporanea e stop agli addestramenti del contingente italiano in Iraq. La decisione, comunicata dal ministero della Difesa, arriva in conseguenza dell’emergenza coronavirus che ha raggiunto anche il Paese mediorientale. Così, 200 degli 800 militari tricolore di stanza in Iraq torneranno a casa, con i restanti 600 che rimarranno distribuiti tra Erbil, nel Kurdistan iracheno, Baghdad e Kuwait.

In seguito all’emergenza Covid-19, fa sapere la Difesa, “la Nato e il Comando multinazionale responsabile delle operazioni in Iraq hanno dato disposizione ai vari comandi nei teatri operativi di sospendere momentaneamente le attività addestrative, garantendo comunque le capacità essenziali”. Di conseguenza, lo Stato Maggiore della Difesa, “a tutela della salvaguardia della salute dei propri militari e per evitare eventuali contagi che limiterebbero l’efficacia delle missioni in corso, sta coordinando e pianificando attraverso il Comando Operativo di Vertice Interforze, il rientro temporaneo di alcuni dei militari italiani impegnati nelle operazioni in Iraq Inerehent Resolve e Nato Training Mission che si occupano prevalentemente dell’addestramento delle forze irachene, mantenendo però in teatro gli assetti essenziali per la lotta al terrorismo e per la sicurezza del popolo iracheno”.

Una decisione che segue una richiesta avanzata in una nota dai Senatori M5s della commissione Esteri in cui si leggeva: “Nei giorni scorsi il comando della Coalizione militare a guida americana in Iraq ha sospeso tutte le attività di addestramento delle forze armate locali, disponendo il rimpatrio dei contingenti coinvolti in queste attività. Gran Bretagna, Francia, Spagna, Repubblica Ceca e altri hanno già avviato o annunciato il ritiro delle loro truppe. Nel Paese ci sono quasi mille militari italiani, riportiamo a casa anche loro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus. Luca, 19 anni, faceva l’aiuto cuoco a Londra per vivere con la madre: è morto dopo una crisi polmonare

next