Come ben sappiamo, l’attuale pandemia di Coronavirus sta costringendo in casa un numero crescente di persone, che hanno dovuto rinunciare a un’importante fetta della propria vita sociale, che fosse la vita d’ufficio o quella durante il tempo libero. Per aiutare queste persone a mantenere dei rapporti sociali basati sulla condivisione anche restando a distanza dai propri amici, Instagram ha deciso di implementare una serie di nuove funzionalità, tra cui la più interessante è indubbiamente la possibilità di guardare video in diretta con gli amici durante le videochiamate.

La funzione di condivisione di video in diretta si chiama Co-Watching e può essere attivata toccando l’icona della foto nell’angolo dello schermo durante le videochiamate. Tutti i video raccolti lì saranno riprodotti per tutti durante la chiamata, nonostante la possibilità, da parte degli utenti, di continuare a vedere i volti degli altri durante la riproduzione.

Il popolare social network visuale di proprietà di Facebook sta però anche aggiungendo altre funzioni, più informative, legate alla pandemia, come ad esempio collegamenti alle risorse dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sul Coronavirus, oltre a un adesivo “io resto a casa” che consente a tutti gli account che ne faranno uso, di aggiungere i propri messaggi a un’unica grande storia condivisa, che sarà visualizzabile nella home.

Infine, effettuando ricerche riguardanti il Coronavirus o che contengano comuqnue termini correlati come COVID-19, farà apparire automaticamente un banner con un link al sito Web dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Instagram inoltre afferma anche di star monitorando e moderando i contenuti riguardanti la pandemia tramite controlli di terze parti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Xiaomi Mi 9, smartphone da 6.39 pollici con fotocamera da 48 Mpixel in offerta su Amazon con sconto del 27%

next
Articolo Successivo

Samsung Galaxy A31 ufficiale, immagini e scheda tecnica

next